Serie D, è caos: il 30% dei club sta rischiando il fallimento

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Situazione alquanto allarmante nelle serie dilettantistiche per via del coronavirus. Sono molte le squadre in difficoltà in questo momento, ma secondo Repubblica, il mondo dei dilettanti è quello più colpito dalla crisi dovuta al COVID-19. Le società dilettantistiche sono la gran parte delle volte gestire da imprenditori locali con grande passione per il calcio. La mancata ripresa delle attività porterà all’inevitabile fallimento di molte società sportive e ciò potrebbe porre il proprietario a scegliere se salvare l’azienda di famiglia o la società calcistica.

La scelta ricadrebbe sull’azienda di famiglia teoricamente e ciò può portare a un fallimento di massa nei dilettanti. Secondo uno studio fatto dalla Lega Nazionale Dilettanti, il 30% delle società dilettantistiche rischia il fallimento in questo momento. Tantissimi ragazzi tesserati con certe compagini, rischiano di rimanere a piedi per i prossimi anni. Se ciò si verificasse, sarebbe un’apocalisse di dimensioni enormi per il nostro calcio. Soprattutto per i settori giovanili.

In molte squadre dilettantistiche militano ragazzi che vengono da settori giovanili di serie professionistiche. Ciò provocherebbe la mancata crescita dei giovani qualora molte società di Serie D o oltre, rischino il fallimento dovuto al coronavirus. Si attendono sviluppi nelle prossime ore, ma la preoccupazione nel mondo dei dilettanti è oramai alle stelle.

  •   
  •  
  •  
  •