Champions League: ottima seconda giornata per le italiane, ma guai a montarsi le testa. I precedenti

Pubblicato il autore: Giacomo Luigi Uccheddu Segui

Foto Getty Images© per SuperNews

Che le squadre italiane siano partite bene in Champions questo è un dato di fatto. In pochi avrebbero scommesso su un’Inter capolista con il Barcellona e il Tottenham sul fondo col PSV, in pochi avrebbero scommesso sul Napoli contro il Liverpool vice campione in carica. Bene invece come da pronostico, Juventus e Roma. Un ingresso trionfale nella nuova stagione di Champions League per le italiane, tanto da far impallidire le sin qui zoppicanti spagnole e tedesche per non parlare delle inglesi sin qui piuttosto deludenti.

E’ quasi record

19 punti in 8 partite è roba da far strizzare gli occhi ma purtroppo per Inter, Juventus, Napoli e Roma non è record. Il quartetto composto da Inter, Juventus, Lazio e Milan nella stagione 2003-04 fece meglio portando a casa 20 punti, peccato però che alla fine della giostra nerazzurri e biancocelesti non riuscirono a strappare il pass per gli Ottavi di Finale. Il record tuttavia al momento rimane quello di Fiorentina, Inter, Juventus e Milan: ben 23 punti dopo 180” nella stagione 2009-10 che certamente gli sportivi italiani e non solo ricorderanno per il trionfo europeo della squadra di Josè Mourinho al passo d’addio prima di accasarsi al Real Madrid.

L’obiettivo è quello di andare tutti agli Ottavi anche se il cammino ora diventa più burrascoso a causa del doppio impegno per la Juventus contro il Manchester United, ma soprattutto per l’Inter contro il Barcellona e per il Napoli contro il PSG. E nel frattempo un nuovo record è lì, pronto a essere raggiunto: le nostre italiane in Champions nella stagione 2005-06 riuscirono a mettere insieme 19 punti sia tra 1^ e 2^ giornata sia tra 5^ e 6^; anche in quella circostanza però non fu abbastanza per portare l’Udinese aldilà del girone.

potrebbe interessarti ancheL’inchiesta Report sulla Juventus: la dura reazione di Ziliani su Twitter

Il segreto è l’equilibrio

+10 alla voce differenza reti contando tutti i gol realizzati e quelli subiti dalle nostre squadre, questo sì, è un record vero. Mai così bene quando abbiamo potuto disporre di quattro squadre nella competizione. In due giornate sono stati realizzati quindici gol con tanti ringraziamenti soprattutto a Dybala e Dzeko protagonisti nella serata di Martedì con le maglie di Juventus e Roma, c’è tuttavia chi ha fatto meglio: nella stagione 2005-06 furono 16 i gol realizzati nelle prime due giornate, ma il record si trova nelle prime due giornate della I Fase stagione 2002-03: 17 reti! Come nella stagione 2009-10, e chissà che l’accostamento non porti fortuna, e nella stagione 2003-04 in due turni solo cinque i gol subiti e anche questo è un record da riporre nell’album dei ricordi.

Analizzando l’ultima giornata, perfetta in tutto e per tutto per le nostre squadre, 11 gol segnati e soltanto 1 subito. Numeri che meriterebbero la copertina ed in effetti mai le nostre squadre avevano segnato 11 gol, quanto meno non nelle prime due giornate, lo avevano fatto infatti nella quarta giornata della stagione 2007-08 e nella penultima della stagione 2005-06. Difficile pensare che qualcun altro possa avere subito un solo gol in quattro partite ed invece non soltanto è accaduto durante la penultima giornata 2005-06 e la prima del 2003-04 ma addirittura nella seconda giornata della I Fase stagione 2002-03 non venne subita alcuna rete.

potrebbe interessarti ancheLa Juventus diventa Rubentus sul sito del Manchester United prima del match di Champions League

Non sempre chi comincia bene poi vince

Va bene esaltarsi ma come già visto i precedenti possono nascondere pericoli e insidie che probabilmente almeno alcune delle nostre squadre incontreranno nel terzo turno e nel primo del girone di ritorno.

La partenza è stata ottima dinanzi a Inghilterra, Germania e Spagna ma sono proprio le squadre di questi paesi a insegnarci che una partenza folgorante nei primi 180′ non è necessariamente segno di trionfo nella competizione: nelle 26 edizioni infatti della Champions League, non considerando quando ancora si chiamava Coppa dei Campioni, le inglesi sono partite a razzo al pari delle spagnole in 7 circostanze ma se gli iberici hanno alzato la coppa al cielo ben 11 volte decisamente peggio è andata agli inglesi che hanno potuto festeggiare soltanto in quattro occasioni. Mantiene una discreta media la nostra Italia che su 6 volte in cui era partita forte poi cinque volte ha vinto il trofeo, i tifosi di Inter, Juventus, Napoli e Roma si augurano che la media non venga rovinata quest’anno.

notizie sul temaPartite Champions League programma oggi 23 ottobre: Aek-Bayern alle 19, in serata Manchester United-JuventusManchester United-Juventus diretta TV e streaming Champions League, oggi 23 ottobreRoma-CSKA Mosca streaming live e diretta tv, Champions League oggi dalle 21
  •   
  •  
  •  
  •