Champions Atalanta, le curve di Inter e Milan si schierano

Pubblicato il autore: Marco Albo Segui

potrebbe interessarti ancheCalciomercato, nuova maxi-operazione sull’asse Juventus-Milan? Coinvolti tre giocatori

Oggi riparte ufficialmente la stagione dell‘Atalanta. I nerazzurri capitanati sempore da Gasperini e dal Papu oggi saliranno in quel di Clusone (paese natale del patron Percassi) dove inizieranno la preparazione in vista di una stagione che si preannuncia ancor più emozionante, vista la qualificazione in Champions League. Proprio la competizione della Coppa dalle grandi orecchie sta preoccupando la società orobica, non tanto in chiave meracto dove tutto sta procedendo secondo i piani, ma dal punto di vista della location. In attesa di ricevere il rifiuto ufficiale da parte dell’Uefa per la deroga di Bergamo, l’Atalanta ha chiesto già a Milano per utilizzare San Siro, ma nelle ultime ore sono arrivate le dure opposizioni da parte delle curve rivali di Inter e Milan.

potrebbe interessarti ancheAmichevoli Inter estate 2019, il calendario completo dei match dei nerazzurri

CHAMPIONS A SAN SIRO, INTER E MILAN SOTTO RICATTO DELLE CURVE

Facciamo chiarezza sulla situazione di San Siro. Il comune ha già dato il placet all’Atalanta, così come la società Inter non ha esposto obiezioni a riguardo, mentre la società Milan nella giornata di ieri ha fatto trapelare tramite il suo presidente Scaroni la volontà di rispettare il sentimento della tifoseria. Le migliaia di persone di fede rossonera giunte a casa Milan per assistere al primo giorno di raduno hanno dichiarato espressamente di non voler accettare la presenza degli orobici a San Siro. In  aggiunta, intervistato telefonicamente ieri sera dai giornalisti di Telelombardia, il Barone della Curva Sud del Milan ha ribadito il concetto, senza però esprimere le dovute motivazioni. Anche sull’altra sponda però la situazione non cambia. Tramite un comunucato ufficiale la Curva Nord dell’Inter ha “intimato” la società a non accettare la proposta dell’Atalanta, insinuando implicitamente che la tifoseria a quel punto renderebbe più complicata al comune e agli organi istituzionali la messa a punto del piano sicurezza, ritrovandosi sempre al baretto storico vicino allo stadio, non escludendo la possibilità di scontri tra le tifoserie. Un ricatto che sta decisamente complicando la decisione alle due società e al comune, costrigendo di fatto l’Atalanta a cambiare nuovamente piano, passando al Mapei Stadium. Ricordiamo che in quanto affittuari Milan e Inter hanno il pieno potere decisionale in questo caso, e quindi spetterà a loro innanzitutto decidere se assecondare le pretese delle tifoserie oppure rischiare di inamicarsele.

notizie sul temaLa telenovela James Rodriguez continua, anche Mertens chiede rinforziCalendari Serie A e Coppa Italia: ecco le date della prossima stagioneLautaro Martinez via dall’Inter? Lukaku e Dzeko potrebbero allontanare l’argentino
  •   
  •  
  •  
  •