Coppa Italia, Juventus Fiorentina: l’intervista ad Allegri

Pubblicato il autore: Nicola Iuzzolino Segui

Coppa Italia

Crollo e debacle. L’altra faccia della semifinale di Coppa Italia. La Juventus esce sconfitta, in casa, contro la Fiorentina di Montella, manifestando grandi difficoltà in impostazione ed un periodo di calo non indifferente: “Il primo tempo è stato buono, nel secondo, invece, i primi 10 minuti abbiamo perso ordine e concesso occasioni, fino a prendere. La Fiorentina ha meritato di vincere, è stata più brava di noi, ma abbiamo ancora il match di ritorno e ci giocheremo le nostre chance. In questo momento, però, la Fiorentina è in forma e non sarà facile.”

Pessima la gestione e l’atteggiamento dei bianconeri, sfilacciati nei reparti mai pienamente convincenti: “Avevamo preparato la gara per creare intensità, ma nel corso della partita abbiamo incontrato delle problematiche. Sul primo gol dovevamo fare sicuramente meglio. L’importante ora è prepararsi bene per lunedì, che c’è una partita di campionato difficile. Non dobbiamo pensare più a stasera, abbiamo fatto sì un passo falso, ma penseremo al ritorno da aprile.”

potrebbe interessarti ancheLIVE Juventus-Atalanta Serie A, diretta risultato in tempo reale: formazioni ufficiali

Sul campionato ci saranno ripercussioni? E in Champions? “Questa sconfitta deve farci drizzare le antenne per le prossime partite. Non abbiamo vinto ancora nulla, il campionato è aperto. L’Europa rimane un sogno. Abbiamo vinto la prima e proveremo a giocarcela.”

Il momento di Pogba? “Pogba è normale abbia un momento di calo, ha bisogno di rifiatare. È un giocatore internazionale, si, ma ha 22 anni e deve migliorare sotto molti aspetti. Non bastano soltanto le grandi qualità. Servono anche le prestazioni. Con i giocatori giovani tutto questo è normale e per Morata vale lo stesso discorso. Hanno bisogno di tempo per maturare.”

potrebbe interessarti ancheJuventus-Atalanta streaming e diretta tv Serie A, dove vedere il match oggi 19 maggio

Niente 3-5-2 o 4-3-1-2. Sarà stata quella la mossa sbagliata? “Stasera ho giocato col 4-3-3 perché disponevo di Coman e Pepe. Una volta uscito il francese, ho provato a lasciare Tevez in quel ruolo, ma hanno doti diverse e si è perso un po di ordine.”

Marchisio peggiore dei suoi, Pogba nettamente in calo, Pirlo infortunato. A centrocampo, forse, manca qualcosa a livello di numero: “Il numero di centrocampisti non è sufficiente, ma ora c’è anche Sturaro ed è pronto per giocare. Cambio spesso modulo anche per farli rifiatare, una volta giocando a 3, un’altra a 4. Nonostante tutto, però, siamo in corsa per i tre obiettivi e a Firenze possiamo vincere. Abbiamo le qualità.”

notizie sul temaMaurizio Sarri, è da stile Juve?LIVE conferenza Stampa Allegri-AgnelliAllegri tra passato, presente e futuro: una notizia che non può lasciare niente invariato
  •   
  •  
  •  
  •