L’arbitro Doveri fermato 2 turni per l’errore al VAR in Juventus-Torino di Coppa Italia

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui


Errori e sviste arbitrali. L’obiettivo del Var, da questa stagione, è quello di diminuire notevolmente i casi da moviola e aiutare gli arbitri nel loro lavoro durante le partite. Non sempre però questo accade e non per colpa del “video assistant referee“. L’ultimo caso, che conferma quanto appena detto, è quello dell’arbitro Doveri colpevole di un grave errore nel match di Coppa Italia Juventus-Torino.

La decisione del designatore degli arbitri è ufficiale: Rizzoli ferma l’arbitro Doveri con due turni di stop. Il direttore di gara, reo di non aver fischiato la punizione e soprattutto di non aver cambiato idea nemmeno dopo aver rivisto l’azione incriminata al monitor, sarà dunque sospeso esattamente come succede per i calciatori che vengono squalificati dopo un cartellino rosso.

L’azione incriminata è quella del gol del 2-0 segnato da Mandzukic. La rete andava annullata per un precedente fallo di Khedira su Acquah. Doveri, come le immagini del labiale dimostrano, ha giustificato più volte la sua decisione con un perentorio: “Ha preso la palla“, ma non sempre gli interventi che colpiscono il pallone sono del tutto regolari e questo è il caso. Khedira compie l’intervento e tocca il pallone ma poi travolge, senza frenare l’impeto, l’avversario commettendo quindi fallo. Doveri non ha giudicato questo intervento falloso andando probabilmente al Var unicamente con l’intento di strafare come spesso accade ad alcuni arbitri. Rivedendo l’azione il direttore di gara voleva forse far capire a tutti che aveva visto giusto ma ha completamente sbagliato facendo un uso errato della tecnologia.  Colpevole dunque e giustificata la punizione che arriva direttamente dal designatore degli arbitri.

  •   
  •  
  •  
  •