Torino, esonerato Mihajlovic. Mazzarri in pole per la panchina

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui

Sinisa Mihajlovic
Tutto nella notte. Prima la sconfitta nel derby contro la Juventus, poi la telefonata del ds Petrachi all’una e il successivo annuncio dell’esonero. A Torino, salta la panchina di Sinisa Mihajlovic, fatale il 2-0 subito in Coppa Italia.
Una delegazione di giocatori granata, guidati da Belotti, sono giunti in hotel ad abbracciare l’ormai ex tecnico dopo aver appreso la notizia. Dopo un anno e mezzo in granata, si chiude quindi l’avventura di Mihajlovic al Torino. Il presidente Cairo è in cerca del sostituto con Walter Mazzarri, ex tecnico di Napoli e Inter, in pole position.

La stagione del Torino non è andata, fino a questo punto, come ci si aspettava. Il gioco non è stato quello spumeggiante che Mihajlovic ha sempre sostenuto. Le attese di inizio stagione non sono state rispettate anche guardando la classifica. Con qualche vittoria in più, specie contro squadre decisamente inferiori rispetto a quella granata sarebbe potuta essere più tranquilla. I pareggi contro Verona, Spal e Crotone evidentemente non erano andati giù al presidente Cairo, che dopo la sconfitta contro la Juventus in Coppa Italia, ha colto l’occasione e ha deciso che era giunto il momento di cambiare. Gli infortuni accorsi ai giocatori fondamentali come Belotti, non hanno aiutato il Sinisa nel suo lavoro, ma a pesare nella scelta del presidente granata c’è sicuramente anche il grosso investimento voluto proprio dal tecnico serbo, Niang, forse il più grande fallimento della stagione di Mihajlovic.
In mattinata è attesa l’ufficialità dell’esonero e probabilmente l’annuncio del nuovo allenatore del Torino che con ogni probabilità sarà una vecchia conoscenza del calcio italiano: Walter Mazzarri.

  •   
  •  
  •  
  •