L’eliminazione della Juve e il processo ad Allegri.

Pubblicato il autore: Mattia Di Battista Segui

potrebbe interessarti ancheIcardi tra angeli e demoni: Spalletti lo riabbraccia, la Curva Nord lo scarica

Massimiliano Allegri è finito nel mirino di parte della tifoseria juventina dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia patita ieri sera contro un’inarrestabile Atalanta che ha travolto la Juventus con un perentorio 3-0. Gli orobici sono stati la prima squadra italiana a battere la Vecchia Signora che, prima della gara di ieri, era ancora imbattuta in Italia tra campionato e coppa nazionale, dalla quale è stata eliminata dopo quattro anni di dominio assoluto.
Una sconfitta, quella di ieri, costata caro ai bianconeri che hanno visto sfumare uno dei tre grandi obiettivi stagionali, ossia la conquista della quarta Coppa Italia consecutiva. Un’eliminazione che ha scaturito un’enorme delusione in tutta la tifoseria e, parte di essa, ha puntato il dito contro l’allenatore Massimiliano Allegri. Sui social, infatti, si sta scatenando da ieri sera un dibattito tra tifosi che difendono l’operato di Allegri nonostante la sconfitta bruciante e tifosi che invece attaccano l’allenatore livornese mettendo sotto accusa la validità di alcune sue scelte.
Ma è davvero soltanto colpa dell’allenatore? A mente lucida, dobbiamo evidenziare alcuni elementi. Innanzitutto, già domenica scorsa contro la Lazio c’erano state delle avvisaglie che qualcosa non andava: all’Olimpico, infatti, i bianconeri sono stati letteralmente surclassati dai bianco-celesti per almeno settanta minuti, poi alcune scelte fatte da Allegri a gara in corso e alcuni episodi favorevoli avevano portato ad una vittoria insperata.
Nel catino di Bergamo, la Juventus ha dimostrato le stesse difficoltà palesate in campionato, solo che questa volta l’esito è stato totalmente diverso. L’Atalanta di Gasperini ha giocato una partita sontuosa fatta di grande intensità, pressing asfissiante e velocità dal primo all’ultimo minuto. La Juventus era semplicemente irriconoscibile: lenta e prevedibile nella zona nevralgica del campo, senza cattiveria agonistica e praticamente inesistente in attacco, dove Ronaldo Dybala sono stati praticamente annullati dalla difesa a tre atalantina. Bernardeschi e soprattutto João Cancelo, decisivi domenica scorsa, non ne hanno presa una, in particolare il portoghese che ha cagionato il primo gol dell’Atalanta e ha sbagliato tantissimi passaggi. A peggiorare il tutto c’è stato l’infortunio di Chiellini, in una difesa già decimata che ha costretto Allegri ad inventarsi De Sciglio nel ruolo inedito di difensore centrale.
Le critiche dei sostenitori juventini (o parte di essi) all’allenatore si focalizzano, in particolare, sul modo di giocare ritenuto troppo lento e prevedibile. Critica condivisibile se si guarda la partita di ieri, ma bisogna anche dire che con questo gioco la Juventus è a più 11 dal Napoli, senza perdere una partita in campionato e si è qualificata ai quarti di Champions League. Una critica che può essere mossa ad Acciughina (ma anche alla dirigenza) riguarda il mercato. La Juve, infatti, ha perso per strada diversi giocatori importanti in questi mesi: da Cuadrado Barzagli, passando per altri infortuni meno gravi. A questo si deve aggiungere un limite strutturale a centrocampo, dove ci sono cinque giocatori per una squadra che gioca con il 4-3-3 e né il tecnico né i dirigenti, hanno pensato a prendere un giocatore che potesse fare le veci di Pjanic, grande assente in queste ultime partite.
Insomma, l’allenatore ha le sue colpe, ma fino ad un certo punto. Ora bisogna rimboccarsi le maniche, visto che il mercato è ormai finito, recuperare i giocatori infortunati e concentrarsi sui due obiettivi rimasti.

potrebbe interessarti ancheSpalletti a Sky Sport:”Icardi non è né Messi né Ronaldo. Mediare con un giocatore è umiliante per i tifosi”

notizie sul temaFiorentina-Atalanta, Gasperini contro Chiesa: “Non deve simulare più”Fiorentina-Atalanta (Video Gol Coppa Italia): termina con un pirotecnico 3-3 questa semifinale d’andata disputata al FranchiFiorentina-Atalanta streaming e diretta tv Coppa Italia, dove vedere il match oggi dalle 21
  •   
  •  
  •  
  •