Roma-Austria Vienna 3-3: la delusione di El Shaarawy in zona mista (VIDEO)

Pubblicato il autore: Alessio Pompili Segui

ROME, ITALY - OCTOBER 20: AS Roma player Stephan El Shaarawy celebrates the goal during the UEFA Europa League match between AS Roma and FK Austria Wien at Olimpico Stadium on October 20, 2016 in Rome, Italy. (Photo by Luciano Rossi/AS Roma via Getty Images)
La solita vecchia Roma. In tanti ci avranno pensato dopo aver assistito a Roma-Austria Vienna di Europa League, partita che, cinicamente parlando, poteva regalare ai giallorossi tre punti utili per lanciarli con un piede verso i sedicesimi di finale della competizione, o comunque per affrontare le restanti tre partite del girone con maggiore serenità. Così non è stato e così non sarà, almeno per il momento. I postumi della sbornia post San Paolo ieri sera sono tornati all’incirca verso l’ottantesimo minuto, per la precisione tra l’82esimo e l’84esimo, minuti di fuoco che hanno messo a dura prova la pazienza dei tifosi giallorossi e le coronarie di quelli austriaci, tra l’altro accorsi in gran numero all’Olimpico, increduli per l’uno-due firmato prima da Prokop, dopo trenta secondi dal suo ingresso in campo, poi da Kayode, il numero 8 nigeriano della squadra austriaca che ha sancito il 3-3 finale e permesso di conquistare un punto che forse neanche la stessa Austria Vienna pensava ormai di poter ottenere. Eppure la Roma fino a quel momento sembrava in pieno controllo della gara, in grado anche di ribaltare con una risoluta facilità il momentaneo svantaggio scaturito dopo il quasi abituale infortunio di Juan Jesus, barbaramente punito sia da quei pochi fischi dell’Olimpico che dal gol di Holzhauser. Nel mezzo, però, una squadra che pur rimaneggiata si imponeva sull’avversario come da copione, riuscendo a mostrare sia delle certezze che sembravano svanite sia degli spunti nuovi sui quali lavorare: parliamo della prestazione di El Shaarawy, insopportabile con le sue incursioni per i difensori austriaci, e di Gerson, specialmente nel primo tempo, capace di mandare in porta il Faraone con un assist inventato dal nulla, assist che più in profondità cela tutto l’enorme potenziale del brasiliano sul quale Spalletti dovrà mettere le mani se l’intenzione sarà quella di farlo salire a galla.

El Shaarawy in zona mista: “Grande rammarico per il risultato. Purtroppo è un nostro limite”

Lo stesso El Sharaawy, migliore in campo per la Roma, si è fermato in zona mista all’uscita degli spogliatoi commentando amaramente il 3-3 contro l’Austria Vienna.

potrebbe interessarti ancheParma-Roma streaming e diretta tv Sky: dove vedere il match 10/11 ore 18

potrebbe interessarti ancheBorussia Monchengladbach-Roma: streaming e diretta Tv Europa League, dove vedere il match oggi 7 novembre

C’è grande rammarico perché era una partita chiusa e da gestire, dovevamo solo tenere palla. A cosa si deve attribuire questo black out? Purtroppo è un nostro limite. Dobbiamo migliorare, ci siamo accontentati. Abbiamo fatto una bella partita e siamo andati in vantaggio di due gol. Concedere certe palle così alla fine le paghi con queste squadre. Se metterò in difficoltà il tecnico nelle scelte? Non voglio peccare di presunzione ma non mi sono mai sentito una riserva, lo ha detto anche il mister. Mi sono sempre allenato come dovevo e oggi che ho avuto la possibilità ho dimostrato il mio valore. Sono contento per la mia prestazione ma non per il risultato. Il cambio? Avevo ricevuto una botta alla caviglia mentre nel secondo tempo ho avuto anche i crampi perciò ho chiesto il cambio. Non riuscivo più a staccare“.

notizie sul temaCori contro Napoli, cori contro Balotelli: Il razzismo che si dimenticaIl pistolero Piatek finisce le cartucceRoma: è solo l’inizio?
  •   
  •  
  •  
  •