Lega Pro girone B: un gol di Ferrari manda in orbita il Venezia di Inzaghi

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
lega pro

Inzaghi riporta il Venezia in testa al girone B di Lega Pro

Lega Pro girone B, è un gol di Ferrari nel finale di partita a consegnare di nuovo il primato in classifica al Venezia di Pippo Inzaghi che batte in trasferta 1-0 l’Albinoleffe. Terza vittoria consecutiva e quarta nelle ultime cinque giornate per la banda Inzaghi, che si conferma miglior difesa del campionato con 12 gol subiti in 18 partite. Partita molto ostica per il Venezia contro un Albinoleffe ben messo in campo, match condizionato da una fitta nebbia che ha posticipato di 15 minuti l’inizio del match. Primo tempo noioso in cui vince la nebbia, nel secondo tempo la prima grande chance è per la squadra di Inzaghi: al 59’ occasione per Marsura che dribbla mezza difesa e cerca il gol con un destro sul primo palo, deviato poi in corner. Risponde al 66’ l’Albinoleffe con Gonzi che però calcia largo, poi sulla partita scendono di nuovo nebbia e noia. Pochissime emozioni nonostante i cambi, le due squadre ci provano ma senza crederci troppo. L’ultimo cambio è per il Venezia con Inzaghi che inserisce Ferrari per cercare il gol nei minuti finali. Mossa azzeccata, perché è proprio il nuovo entrato a regalare il vantaggio al Venezia all’83’: cross di Galli, torre di Moreno e Ferrari sul secondo palo, tutto solo, batte Nordi e firma l’1-0. Gol decisivo, perché finirà così: 1-0 per la squadra di Inzaghi, che si prende tre punti e primato in classifica. Operazione controsorprasso completata: il Pordenone torna secondo, in vetta al girone B di Lega Pro c’è ancora il Venezia di Super Pippo.
La sfida al vertice si rinnova nella prossima giornata, il Venezia giocherà in casa contro la Maceratese, mentre il Pordenone ospiterà la Sambenedettese, sembra essere questo il duello per decretare la vincente del girone B di Lega Pro, Parma, Reggiana e Padova proveranno a inserirsi in questa lotta al vertice, ma Pippo non vuole mollare la vetta.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •