Le novità della Lega Pro 2017-2018, solo 56 squadre al via

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Le novità della Lega Pro 2017-2018, solo 56 squadre al via

La Lega Pro 2017-2018 avrà moltissime novità, a partire dal meccanismo di playoff e playout

Il campionato di Lega Pro 2017-2018 sarà molto diverso, secondo quanto ha fatto sapere il consiglio federale diretto dal presidente Gabriele Gravina. Tanto per cominciare l’unica squadra ripescata è stata la Triestina e non sono mancate le proteste di Damiano Tommasi, presidente dell’associazione italiana calciatori, che si sente preso in giro. Secondo quanto si può leggere sulla Gazzetta dello Sport, il numero uno dell’AIC sostiene la protesta dei calciatori, che vogliono un altro trattamento e non si sentono rispettati adeguatamente. Il fatto che vi sia stata una sola squadra ripescata e che cambierà completamente il meccanismo di retrocessione non è andato giù all’associazione calciatori.

Novità importanti Lega Pro 2017-2018: le sostituzioni passano a 5

Il consiglio federale ha varato alcune importanti novità per il prossimo campionato di Serie C, tra cui il meccanismo delle sostituzioni. In precedenza le sostituzioni erano tre e andavano fatte singolarmente, adesso si potranno fare cinque sostituzioni anche tutte insieme. Dopo l’esclusione di Messina, Macerata, Mantova, Como, solamente la Triestina ha presentato domanda di ripescaggio, quindi nel prossimo campionato di serie C le squadre saranno 56 invece di 60. Per poter ritornare a 60 squadre tra due anni, le retrocessioni saranno solamente cinque e nei prossimi giorni la Lega Pro definirà le formule e le modalità. Anche il meccanismo dei playoff e playout dovrà essere rivisto e probabilmente passerà dalle cinque fasi attuali a sei.

La protesta dei calciatori

L’ufficialità delle nuove regole della Lega Pro 2017-2018 ci dovrebbe essere lunedì prossimo, quando il consiglio federale approverà tutte le novità. Le cinque sostituzioni andranno fatte solamente in tre momenti della partita, al fine di evitare troppe interruzioni. La regola dei ripescaggi ha fatto sì che siano state bocciate numerose squadre e che sia stato impossibile tornare a 60 club. Il presidente della FIGC Carlo Tavecchio si è dimostrato contrario, così come il presidente dell’AIC Damiano Tommasi, che oltre a sentirsi preso in giro ha polemizzato contro la riapertura dei termini dei ripescaggi che sono cambiati senza nessuna motivazione. Un’altra novità sarà lo spostamento del pagamento della mensilità di giugno dal 16 agosto al 21 settembre, altra cosa che ha fatto infuriare non poco l’associazione calciatori. Malcontento anche per avere ridotto il numero dei calciatori nati prima del 1995 da 16 a 14, questione questa che aveva fatto minacciare uno sciopero di protesta.

I gironi di Lega pro 2017-2018 e il calendario delle partite: ci saranno meno retrocessioni

Le retrocessioni nel prossimo campionato di Lega Pro 2017-2018 saranno cinque invece di nove. Essendoci 56 squadre il girone A sarà composto da 20 squadre e i gironi B e C da 18; questo costringerà i vertici della Lega Pro a studiare nuove formule per il meccanismo di playoff e playout. La divisione sarà come sempre in verticale, basata sulle regioni a nord, centro e sud. Il girone A sarà occupato da Piemonte, Toscana, Sardegna e tre squadre lombarde. Il girone B avrà due squadre lombarde, tutte le squadre del Triveneto e dell’Abruzzo. Le squadre del sud saranno tutte nel girone C. Il calendario delle partite verrà compilato a Pescara giovedì 10 agosto 2017.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •  
Tags: