Serie C, a Catanzaro umori tesi dopo la sconfitta con il Sicula Leonzio

Pubblicato il autore: Paola Tolomeo Segui

 

Doveva essere l’inizio di un percorso diverso ed invece è ancora cartellino rosso per il Catanzaro. La sconfitta in casa con il Sicula Leonzio è un boccone troppo amaro da mandare giù: i fischi dei tifosi giallorossi al 90′ risuonano in tutto il Ceravolo.

Amareggiato mister Dionigi che nella conferenza stampa post partita denuncia il completo flop della partita. “Abbiamo sbagliato tutto, non siamo riusciti a reagire e dopo il primo goal, ci siamo snaturati. Abbiamo fatto tre passi indietro, partita toppata sotto tutti i punti di vista.”  Scuse profonde vengono rivolte ai tifosi che si aspettavano sicuramente più grinta dopo la partita con il Lecce. Ma la squadra non doveva essere neanche quella. “Dobbiamo tornare ad essere quelli con il Bisceglie, il Monopoli, il Cosenza: una squadra aggressiva, spregiudicata che non ha nulla a che fare con quella vista oggi. Al momento, c’è solo da chiedere scusa.”

Dure anche la sentenza di Nordi, portiere e capitano della squadra. Ha tentato di difendere la porta fino a quando ha potuto. il migliore in campo nonostante i tre goal subiti. “Abbiamo perso una partita che non dovevamo perdere. Bisogna fare un mea culpa, ciascuno deve pensare ai propri errori e da lì ripartire perchè la situazione non è bella.” Dopo la prestazione con il Lecce l’impressione di poter ritrovare una squadra di qualità c’era ma non se n’è data dimostrazione di fronte alla squadra sicula che ha giocato bene e ha meritato la vittoria. Anche per il portiere il pensiero va ai tifosi: “I loro fischi ci devono toccare e incitare a tirare fuori la rabbia. Catanzaro ci sta dando tutto per poter fare bene, dobbiamo rimetterci in gioco.”

Questi gli umori al fine di una prestazione disastrosa che porta la squadra ancora più lontana dalla zona play-off. La settimana è iniziata con molta tensione in vista della prossima partita contro l’Akragas che, a rischio recessione, le proverà tutte. Questa volta è vietato sbagliare!

 

  •   
  •  
  •  
  •