Carrarese, esempio di un calcio puro

Pubblicato il autore: Claudia Cella Segui

potrebbe interessarti ancheLIVE Reggiana-Juve Stabia, play off serie C, risultato in tempo reale: le probabili formazioni

L’avventura della Carrarese nei playoff per la promozione in Serie B termina all’Enrico Rocchi di Viterbo. La fine di un sogno? No, tutt’altro. Per Carrara la stagione appena terminata è soltanto il punto di partenza di un progetto ambizioso e i tifosi attendono già con ansia l’inizio del prossimo campionato. Per l’ennesima volta, la dimostrazione di tifo degli apuani è stata encomiabile: presenti 500 supporters, belli da vedere, per una delle tante coreografie proposte quest’anno, e da ascoltare, per la sequenza infinita di cori che si non si è interrotta neanche con il triplice fischio e con la sentenza della sconfitta. 500 padri o madri di famiglia, giovani pieni di entusiasmo e tifosi storici di vecchia data hanno percorso 800 chilometri in una sola sera e in un giorno feriale, circostanze non del tutto favorevoli per consentire ad una tifoseria di seguire la propria squadra in gran numero. L’occasione era però enorme e valeva la pena fare qualche piccolo sacrificio. Sì, perché anche credere in un sogno richiede sacrifici, ed è proprio questo che rende ancora più emozionante analizzare il percorso fatto, con la consapevolezza che la fiducia comune riposta in un progetto è servita a creare un’atmosfera unica e a risvegliare una passione messa da parte per troppo tempo. Oggi il calcio ha bisogno di questo, di pura passione, perché non sempre il denaro regala emozioni, non sempre le grandi squadre sono quelle che vincono, ma soprattutto perché si può essere grandi anche senza vincere. L’intera “famiglia” della Carrarese, con la sua filosofia e il suo modo di vivere il calcio, è l’esempio che gli amanti di questo sport possono ancora gioire e fare piccole sane follie anche quando il traguardo a cui si punta è tutt’altro che certo e la strada da percorrere è ancora lunga, perché quello che conta, in quel percorso, è vivere a pieno l’emozione di tenere in alto i propri colori.

potrebbe interessarti ancheCasertana, D’Angelo lascia il club, arriva Erra? E a breve potrebbero cambiare maglia anche Finizio ed Alfageme.

notizie sul temaCasertana, D’Angelo ad un passo dal PordenoneSerie C: Il Programma dei play-off e play-outSupercoppa Serie C, Livorno-Lecce: antipasto di B
  •   
  •  
  •  
  •