Romero, che guaio per l’Argentina: niente Mondiali di Russia per l’ex Sampdoria

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
attends the Preliminary Draw of the 2018 FIFA World Cup in Russia at The Konstantin Palace on July 25, 2015 in Saint Petersburg, Russia.

Foto Getty Images © scelta da SuperNews


Romero, l’Argentina resta senza portiere.
Grosso guaio per Jorge Sampaoli e l’Albiceleste. Sergio Romero non ce la fa, l’ex portiere della Sampdoria è costretto a dare forfait in vista del Mondiale di Russia. El Chiquito dovrà stare fermo un mese per un problema al ginocchio destro, infortunato in occasione di Spagna-Argentina dello scorso 27 marzo. Un bel problema per Sampaoli che, oltre a perdere il portiere titolare, dovrà rinunciare ad uno dei leader dello spogliatoio. Basti pensare che quello russo sarebbe stato il terzo mondiale di fila per Romero, dopo Sudafrica 2010 e Brasile 2014. In Russia il portiere classe ’87 avrebbe potuto raggiungere Fillol, recordman di presenze argentino in una fase finale del mondiale. Al posto di Romero è stato convocato Guzman, portiere del Tigres. Gli altri due estremi difensori nella rosa dell’Argentina sono Caballero e Armani. 

Il primo, 37 anni a settembre, è il portiere di riserva di Courtois al Chelsea, mentre il secondo è il titolare della porta del River Plate. I due verranno nelle amichevoli pre-mondiali da Sampaoli, che dovrà scegliere su chi puntare per il debutto mondiale dell’Argentina contro l’Islanda. L’infortunio di Romero è un’altra incognita sulla nazionale Albiceleste. Una difesa che non offre le dovute garanzie e un centrocampo poco dinamico. In più gli attaccanti che non scoppiano di salute. Higuain ha segnato poco nel finale di stagione, Aguero è reduce da un infortunio e Messi ha qualche problemino fisico da risolvere. Poi c’è Dybala, magari sarà lui la carta a sorpresa di Sampaoli in Russia.

potrebbe interessarti ancheSerie A, ufficializzate le date di recupero di Sampdoria-Fiorentina e Milan-Genoa: i dettagli

Romero come Pumpido, l’Argentina troverà il suo Goicoechea?

Il ruolo del portiere è stato sempre molto delicato per la nazionale argentina. Basti ricordare che uno dei protagonisti con i guanti migliori della storia albiceleste è stato Goicoechea nel 1990. Un eroe per caso, visto che in quel mondiale il titolare era Pumpido. Quest’ultimo si infortunò e Goicoechea diventò titolare. L’allora dodicesimo argentino fu decisivo come e più di Maradona nella strada che condusse l‘Argentina alla finale mondiale con la Germania. Della vena para-rigori di Goicoechea ne fece le spese anche l‘Italia di Azeglio Vicini. La semifinale del San Paolo finì ai rigori, dove il portiere argentino parò le conclusioni di Donadoni e Serena. Quello fu il punto più alto della carriera di Goicoechea, che poi è diventato anche un personaggio televisivo in Argentina.

potrebbe interessarti ancheMercato Sampdoria: Lorenzo Tonelli è in arrivo in blucerchiato

Sampaoli spera chi sostituisca Romero tra Caballero o Armani possa essere l’erede di Goicoechea a Russia 2018. Un Mondiale a cui l’Argentina arriva con il ruolo di outsider. Altre nazionali sembrano molto più attrezzate di quella Albiceleste. Si avrà bisogno di un grandissimo Messi per sperare di arrivare il più lontano possibile. Anche perché questo campionato del mondo potrebbe essere davvero l’ultima occasione per vincere qualcosa di importante per la Pulce con la maglia dell’Argentina. Proprio l’ultima.

notizie sul temaduring the Serie A match between AC Milan and Cagliari Calcio at Stadio Giuseppe Meazza on August 27, 2017 in Milan, Italy.Serie A rinviate Milan-Genoa e Sampdoria-Fiorentina, confermati gli altri match della 1.a giornata di campionatoSerie A, l’appello di Ferrero dopo i fatti di Genova: “Fermare il campionato: le partite si recuperano, i morti no”Crollo Ponte Genova: il cordoglio social di Sampdoria, Genoa e delle altre squadre di Serie A
  •   
  •  
  •  
  •