Mondiale 2018: la vittoria della Francia multietnica

Pubblicato il autore: Maria Carola Leone Segui

Francia campione del mondo – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Il Mondiale 2018 è andato in archivio con la vittoria della Francia . Sono ormai trascorsi tre giorni alla fine dei Mondiali e in Francia ancora non si esauriscono i festeggiamenti per la vittoria degli uomini di Deschamps, un risultato non sorprendente vista la qualità della rosa a disposizione dell’allenatore transalpino.

Uno dei valori aggiunti della squadra francese è la multietnicità dei giocatori. In molti sul web hanno criticato queste “imperfezioni” ma è assurdo porre l’accento ad una nazione che dalla metà del XX secolo accoglie uomini e donne provenienti dai paesi non UE. Questi giocatori di origine congolese, angolani e senegalesi (solo per citare alcuni paesi) sono il frutto di una cultura di inclusione storica. Sarebbe utile rivedere il concetto di appartenenza territoriale, e calcistica, indipendentemente dal colore della pelle dato che Mandala, Fekir, Mutuidi e Mbappé sono uomini francesi della terza generazione.

potrebbe interessarti ancheRanking FIFA, l’Italia guadagna una posizione: ora è 18esima. Belgio ancora in testa

Una caratteristica, quella della Francia, unica nel panorama calcistico mondiale. Ci sono stati casi eclatanti di oriundi o addirittura di una vera e propria compravendita di calciatori da parte di alcune nazionali. La Francia è unica. I vari Mbappe, Matuidi, Pogba, Kantè, sono francesi a tutti gli effetti, con buona pace di coloro che criticano la multiculturalità applicata anche allo sport.

potrebbe interessarti ancheKylian Mbappè, ecco perché il francese vincerà il Pallone d’Oro 2018

 

notizie sul temaTennis, finale Coppa Davis Francia-Croazia: il programma dei match. Diretta tv in esclusiva su SuperTennisOlanda-Francia 2-0 (Video Goal Nations League): Wijnaldum e Depay condannano i tedeschi alla retrocessioneNations League, le partite in programma oggi. Spicca il big match tra Olanda e Francia
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: