Mondiali 2018: l’Inghilterra vola in semifinale. Conquistare la coppa è un obiettivo concreto

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Non parlate di progetto futuro o di Qatar 2022. La Federazione inglese dovrà mutare programmi perché la Nazionale dei “Tre Leoni” non ha nessuna intenzione di farsi sfuggire di mano la ghiotta opportunità di dire la sua durante questa edizione di Russia 2018. L’intraprendente banda guidata dal sublime c.t. Gareth Southgate mette ko la Svezia e il prossimo 11 luglio sarà attesa da una sfida suggestiva e senza prova d’appello contro la Croazia, in semifinale, appuntamento inseguito dalla compagine d’oltremanica da ben 28 anni.

L’Inghilterra vista all’opera contro la nazionale scandinava è apparsa ottimamente organizzata, pungente e ficcante a tal punto da riuscire a scardinare un bunker, apparso ai più impenetrabile, imbastito da Granqvist e compagni. Superare la Svezia non è un gioco da ragazzi, per informazioni chiedere all’Olanda, all’Italia, al Messico e alla Svizzera, tutte vittime illustri del modus operandi degli uomini guidati dal c.t. Andersson. I gialloblù hanno come prerogativa quella di concedere poche opportunità agli avversari, distruggendo le loro trame a metà campo, per poi capitalizzare al meglio le rare occasioni da rete create.

potrebbe interessarti ancheFinale Champions League: prezzi dei biglietti alle stelle!

Stavolta, però, il disegno tattico della Svezia ha dovuto fare i conti con il coraggio e la pressione agonistica degli inglesi che hanno punito gli scandinavi attraverso due colpi di testa, prima con Maguire al 30′ e poi con Alli al 59′, respingendo, altresì, le fiammate degli avversari grazie ad un Pickford in strepitosa forma. Poco importa che per Harry Kean, capocannoniere di questo Mondiale con sei reti all’attivo, non sia stata una gara memorabile, in quanto al suo posto siano risultati decisivi altri uomini altrettanto importanti nello scacchiere architettato da Southgate. La Nazionale dei “Tre Leoni“, inoltre, è riuscita a mettere a nudo i limiti di una Svezia che se messa in difficoltà non riesce a reagire. Fino ad ora tutti i successi della compagine scandinava son venuti fuori da situazioni di vantaggio iniziale, mentre stavolta, con l’obbligo di rimontare lo svantaggio acquisito, i gialloblù hanno palesato limiti offensivi piuttosto evidenti.

potrebbe interessarti ancheAtletico Madrid: Lacazette sarà il sostituto di Griezmann?

Per l’Inghilterra, quindi, si spalancano le porte della semifinale. Affrontare la Croazia rappresenterà un test probante ed indicativo al fine di misurare le potenzialità e il grado di maturità di una nazionale giovane, di prospettiva e che guardava al Mondiale russo con l’obiettivo di ben figurare ma senza alcun obbligo di vittoria finale. Anche in questo caso l’obbligo non c’è, ma una volta entrati nel novero delle migliori quattro al mondo, tentare l’assalto alla coppa è più che comprensibile. Ad Italia ’90 l’allora nazionale inglese allenata da Robson si fermò al cospetto della Germania, per poi perdere la finale per il terzo posto contro i padroni di casa azzurri, stavolta Kane e compagni vorranno far meglio, in quanto per Qatar 2022 ci sia ancora tempo ed il futuro è adesso, con il guanto di sfida da lanciare ai croati per garantirsi una finale che mai come ora appare vicinissima.

notizie sul temaAlexander-Arnold e Robertson: le due meraviglie del LiverpoolHazard-Real Madrid: le merengues lo ufficializzeranno il 29 maggioLiverpool, Van Dijk: “Il titolo? City favorito, ma domenica ci proveremo”
  •   
  •  
  •  
  •