Crollo Arsenal, Wenger subito via? Si punta su Allegri per il futuro

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
arsenal

Arsenal in crisi, Wenger subito via?

Quattro sconfitte nelle ultime cinque partite di campionato, più l’eliminazione dalla Champions League, è crisi nera per l’Arsenal e per Arsene Wenger. Nel lunch match della 29esima giornata di Premier League è arrivata un’altra sconfitta, 3-1 contro il West Bromwich. Una battuta d’arresto che allontana ancora di più i Gunners dalla zona Champions League, lontana ora cinque punti. Vero è che Sanchez e compagni hanno una partita in meno rispetto al Liverpool , che occupa attualmente il quarto posto, ultimo utile per la Champions. Un crollo verticale quello dell’Arsenal, che non vince in campionato dall’11 febbraio, 2-0 all’Hull City. In mezzo c’è stata l’eliminazione umiliane in Champions League per mano del Bayern Monaco di Carlo Ancelotti. Un doppio 1-5 che ha sancito la fine della pazienza dei tifosi dell’Arsenal, stanchi di Wenger. Contestazione che potrà aumentare ancora dopo la sconfitta contro il West Bromwich. Il match contro il Wba è rimasto in equilibrio per quasi un’ora, con Sanchez che ha risposto al gol iniziale di Dawson. Nella ripresa quando ci si aspettava il cambio di marcia dell’Arsenal sono arrivati invece i gol del Wba, con Robson-Kanu e ancora con Dawson, autore di una doppietta. Una sconfitta che può lasciare davvero il segno in casa Gunners, anche perché ormai la qualificazione in Champions League resta l’unico obiettivo stagionale. La sosta per le nazionali arriva nel momento giusto per l’Arsenal, i dirigenti dei Gunners avranno qualche giorno in più per riflettere. Il 2 aprile il calendario propone lo scontro diretto all’Emirates Stadium contro il Manchester City. Un match da non fallire per le due deluse di Champions League, che erano partite con ben altre ambizioni in questa stagione. La crisi dell’Arsenal avvicina sempre più l’addio di Wenger, non è un mistero che uno dei prossimi indiziati per la panchina dei Gunners è Massimiliano Allegri. Una cosa è certa, dopo un ventennio si avvicina la fine del regno di Wenger all’Arsenal, tanto bel gioco, pochi trofei vinti, forse all’Emirates è giunto il momento di puntare più sulla concretezza che sullo spettacolo.

  •   
  •  
  •  
  •