Mazzarri, lo scarso inglese alla base dell’esonero. Ranieri al Watford?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini
Mazzarri

Mazzarri, ecco i motivi dell’esonero

Più che i risultati è stata la scarsa conoscenza della lingua inglese a condannare Walter Mazzarri all’esonero da parte del Watford. Il club londinese di proprietà della famiglia Pozzo ha motivato così la scelta di separarsi dal tecnico toscano a fine stagione. “Dopo aver discusso – si legge nel comunicato ufficiale del Watford – con l’allenatore gli obiettivi futuri e le aspirazioni della società. Ringraziamo Walter e il suo staff per il contributo che hanno offerto al Watford nell’ultimo anno”. Gli Hornets hanno disputato una stagione discreta, conquistando la salvezza con largo anticipo, ma senza brillare più di tanto. Ma come detto non sono stati i risultati a condannare Mazzarri. I giocatori del Watford hanno mostrato insoddisfazione per la scarsa conoscenza dell’inglese.

Quale futuro ora per Mazzarri? Il tecnico livornese colleziona così il secondo esonero consecutivo dopo quello subito all’Inter due stagioni fa. Un’esperienza quella inglese non completamente da buttare per Mazzarri, che ha arricchito la sua conoscenza del calcio internazionale. Ora però c’è da pensare al futuro. In Italia ci sarebbe la Fiorentina che potrebbe essere interessata all’ex allenatore di Samp, Napoli e Inter. I viola avrebbero già scelto Pioli per il dopo Sousa, ma già un paio di stagioni fa c’erano stati dei contatti con Mazzarri. Dopo tante grandi stagioni il tecnico livornese sta vivendo un momento di involuzione della sua carriera, si spera per lui solo passeggero.

Via Mazzarri, arriva Ranieri al Watford?

Esonerato Mazzarri è tempo per il Watford di pensare al suo successore. Sui media britannici rimbalza il nome di Claudio Ranieri per la panchina degli Hornets. L’ex manager del Leicester ha sempre tanti estimatori in Premier League. I Pozzo starebbero pensando seriamente al tecnico romano per rilanciare il Watford. Una squadra che ha una buona rosa, ricca di ex del campionato italiano. Da Britos a Zuniga, da Pereyra a Niang, fino a Zarate. Dopo l’esonero di Mazzarri diventa incerto il futuro proprio di Niang, in prestito dal Milan e in attesa del possibile riscatto del club inglese.

Il Watford sarebbe la piazza ideale per Ranieri. Un club giovane e ambizioso, ma che non chiede la Luna ai suoi allenator. Una salvezza decorosa, il lancio di qualche talento e un buon gioco per i propri supporters, Ranieri potrebbe poi contare su qualche rinforzo in arrivo dall’Udinese, il club principale di proprietà dei Pozzo. Gli Hornets sono simili per certi versi al Leicester, un piccolo club reso grande da Sir Claudio. Ranieri ha poi il vantaggio di parlare un ottimo inglese. Magari Mazzarri avrebbe dovuto prendere qualche lezione in più prima di tuffarsi in Premier League, ne terrà conto per la prossima eventuale avventura all’estero.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •