Atalanta, Gasperini: “Ecco perché ho rinnovato. Percassi non rovinerà il giocattolo”

Pubblicato il autore: elia guerra Segui


Gian Piero Gasperini
non ha mai amato essere al centro dell’attenzione, sotto le luci della ribalta. E’ un allenatore che preferisce il silenzio, il duro lavoro, l’umiltà. Fattori che ha trasmesso con tutto il cuore alla ‘sua Atalanta’, ottenendo risultati che sembravano inimmaginabili dopo le prime cinque giornate di Campionato: quattro sconfitte ed una sola vittoria. La panchina traballava più che mai ma, come i grandi condottieri, lui non ha mollato un centimetro, non è caduto, anzi si è rialzato più forte di prima. E lo ha fatto con i suoi uomini. Grazie ai suoi uomini. O meglio, ragazzi. Quegli stessi ragazzi che ora si trovano al centro di voci di mercato importanti. Caldara ormai è a tutti gli effetti un calciatore della Juventus; Gagliardini a gennaio ha sposato il progetto Inter e paradossalmente si è ritrovato a guardare i suoi compagni dal basso; Kessie e Conti piacciono a mezza Europa e le pretendenti si fanno sempre più insistenti; Gomez è braccato stretto dal Milan; Spinazzola è bianconero, e la sua permanenza a Bergamo sino giugno 2018 non è poi così scontata. La Juve, infatti, potrebbe anticipare i tempi del rientro a Torino.

ATALANTA, GASPERINI  DICE LA SUA SUL MERCATO

La ‘Dea’, dunque, rischia seriamente di essere smantellata nell’imminente sessione di mercato. Gasperini, però, ha voluto tranquillizzare i propri tifosi con queste parole ai microfoni del Corriere di Bergamo: “Non sono preoccupato, Percassi non rovinerà il giocattolo perché il club ha già incassato molto e quindi potrà permettersi anche di dire no ai procuratori, alle società e agli stessi giocatori. Inoltre abbiamo una società che reinveste tutto quello che ottiene dalle cessioni, non ha bisogno del calcio per guadagnare. Comunque per il momento non ho parlato con nessuno dei ragazzi al centro delle voci di mercato, c’è tempo per farlo”. Sul mercato in entrata, invece, il tecnico di Grugliasco ha detto:  Dovremo acquistare un paio di giocatori di livello internazionale sia per rafforzarci che per utilizzarli da esempio per gli altri”. A tal proposito l’Atalanta si è già mossa d’anticipo con l’olandese Hateboer, e sta seguendo con particolare interesse le piste che portano il nome di Gosens dell’Heracles Almeno e Foket del Gent, entrambi classe ’94. Inoltre sembra ormai chiusa la trattativa per Rodrigo Battaglia, centrocampista italo-argentino del Braga.

ATALANTA, GASPERINI SPIEGA IL MOTIVO DEL RINNOVO

Un rapporto così idilliaco come quello tra Gasperini e la Dea non poteva certo chiudersi con la conquista dell’Europa dopo 26 anni. Il primo passo è stato compiuto, ore restano da fare gli altri cento. E il mister non è certo la persona che lascia le cose a metà. Per questo motivo, pochi giorni fa, è arrivato il rinnovo del contratto, prolungato di tre anni con l’opzione per un’altra stagione. Queste le parole di Gasperini in merito: Ho rinnovato con l’Atalanta perché qui posso lavorare con serenità. Altrove non c’erano le condizioni per farlo. Qui abbiamo un progetto condiviso, poi per far meglio di così dovrei andare in una squadra che lotta per vincere lo scudetto, ma gli ultimi sei sono stati della Juve e forse lo saranno anche i prossimi sei”. 

  •   
  •  
  •  
  •