Juventus, il turnover di Allegri non paga. Furia Bonucci: “Troppi gol subiti!”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
allegri

Juve, Allegri non fa drammi. Bonucci scuote i suoi

Juventus, calo previsto? La sconfitta a Roma dei bianconeri di Allegri era stata forse preventivata dal tecnico juventino. Già dalla formazione messa in campo contro gli uomini di Spalletti si è capito che la partita contro i giallorossi non era prioritaria. Tra assenze forzate e riposi dovuti la Juventus vista all’Olimpico è stata la brutta copia dello squadra schiacciasassi degli ultimi tempi. Il doppio confronto di Champions League con il Monaco ha portato via tantissime energie alla truppa di Allegri. Lo dimostrano i due punti raccolti nelle ultime tre giornate di campionato contro Atalanta,Torino e Roma. Anche dal punto di vista mentale Higuain e compagni sono apparsi sciogliersi subito dopo l’illusorio vantaggio di Lemina.

Juventus, sconfitta salutare o allarme bianconero? Allegri in questa stagioni ha sempre sfruttato al meglio le sconfitte come molla psicologica per scuotere i suoi. Contro la Roma è arrivata la quinta sconfitta stagione in campionato. Tutte in trasferta e tutte maturate dopo un impegno infrasettimanale di Champions League. La conferma, se ce ne fosse bisogno, che la manifestazione europea porta via preziose energie fisiche e psicologiche. Quando Allegri non può ruotare al meglio i suoi uomini per infortuni e squalifiche anche la corazzata bianconera va in difficoltà. Per chi vuole arrivare in fondo in tutte le competizioni il cammino è lungo è faticoso.

Juventus, settimana caldissima per i bianconeri. La truppa di Allegri è rimasta a Roma per preparare al meglio la finale di Coppa Italia di mercoledì prossimo con la Lazio. Il mister juventino rispetto alla sconfitta con la Roma recupererà Marchisio, ma dovrà rinunciare a Khedira e Pjanic. Il bosniaco è squalificato, mentre il marocchino difficilmente verrà rischiato da Allegri. L’ex Real Madrid è reduce dal problema muscolare accusato con il Monaco. Cardiff si avvicina e Allegri ha bisogno più che mai del metronomo tedesco per l’appuntamento del 3 giugno. Torneranno Dani Alves, Alex Sandro e Dybala dal primo minuto contro i biancocelesti di Inzaghi. Le loro assenze si sono sentite eccome domenica sera con la Roma. Dopo l’appuntamento dell’Olimpico si sarà il match scudetto con il Crotone. E’ solo metà primavera, ma è un settimana caldissima per la Juventus che vuole vincere tutto.

Juventus: Allegri non fa drammi, furia Bonucci

Juventus, Allegri non fa drammi. L’allenatore bianconero come sempre ostenta tranquillità anche dopo una sconfitta:”Non sono preoccupato, anzi dobbiamo solamente rimanere lucidi e capire dove abbiamo sbagliato, per evitare di farlo in futuro”. Allegri parla anche del momento difensivo dei suoi:” Ultimamente stiamo concedendo qualcosina di troppo a livello difensivo, ci sta nell’arco di una stagione”. L’allenatore della Juve pensa subito al futuro:”Dobbiamo fare un passo alla volta, prima la Lazio, poi il Crotone, c’è da faticare, ma questo lo sapevamo già”. Un Allegri tranquillo, almeno in apparenza, che però sa che i suoi sono reduci da una stagione lunga e massacrante. Il tecnico juventino deve essere bravo a far recuperare tutte le energie per un finale di stagione che può essere trionfale, ma senza commettere errori.

Juventus, furia Bonucci. Come spesso accade dopo una brutta sconfitta è Leonardo Bonucci a metterci la faccia in casa Juve. “Dopo un primo tempo condotto e giocato bene, aggressivi, abbiamo staccato la spina. Questo è preoccupante, non si possono prendere 6 gol in tre partite. Non bastano le parole, bisogna dimostrare sul campo quello che tutti dicono”. Parole che avranno sicuramente il giusto eco nello spogliatoio bianconero e che caricheranno la Juventus in vista della Lazio. I bianconeri vogliono alzare il primo trofeo stagionale e non ripetere gli errori di Doha con il Milan, Bonucci ha già avvisato i naviganti.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •