Verso Inter-Sassuolo, il match visto da tuttointernazionale.it

Pubblicato il autore: Davide Corradini

A due giornate dalla fine del campionato, l’ Inter attende il Sassuolo a San Siro per provare a chiudere al meglio una stagione disastrosa, condizionata da continui cambi d’allenatore e giocatori non motivati. Il match che vedremo domenica all’ ora di pranzo sarà da guardare sicuramente, poiché il Sassuolo è reduce da ben cinque risultati utili consecutivi nelle ultime cinque giornate di campionato.

Per orientarci meglio, a meno di 48 ore dal fischio d’inizio, abbiamo chiesto al collega Mario Garau di tuttointernazionale.it, testata giornalistica che racconta le vicende nerazzurre, un parere sul momento della propria squadra e sulla preparazione al match contro il Sassuolo (fischio d’inizio domenica ore 12.30).

La stagione dell’ Inter di quest’anno, possiamo dire, che è stata veramente un disastro tra continui cambi di allenatore e giocatori non motivati. Secondo te è giusto affidare la squadra a Vecchi a due giornata dal termine? Visto che Pioli non sarà certamente riconfermato, chi potrebbe essere il primo allenatore pronto a sostituirlo?
Pioli è già stato esonerato. La società ha deciso di responsabilizzare la squadra sgravandola dalla figura dell’allenatore, mettendola dinanzi alle sue responsabilità.  A mio avviso è una mossa che avrà effetto contrario in quanto continua a fornire alibi alla squadra, che in poco meno di un anno ha già “bruciato” tre allenatori di una certa caratura.

Nell’ ultima gara, avete perso 1-0 contro il Genoa. A tuo avviso, qual è stato l’aspetto che ha condizionato, a vostro sfavore, la gara? Forse le assenze?
La squadra è scesa in campo senza stimoli, come per stessa ammissione di alcuni giocatori si era staccata la spina dopo il pareggio di Torino. Più che le assenze, possiamo dire che l’Inter ha pagato le ignobili presenze.

Ora ci proiettiamo alla gara di domenica: ci potranno essere novità di formazione rispetto alla gara contro il Genoa? Novità sui convocati?
Sicuramente Vecchi proverà a dare spazio a Joao Mario (che con Pioli non ha trovato molto spazio) e a Banega. Potremmo sicuramente vedere sprazzi di Gabigol, anche se non credo che partirà dall’inizio contro il Sassuolo.

Quale o quali dei giocatori della rosa neroverde temete maggiormente e ritenete un potenziale “sorvegliato speciale“?
Il più grande nemico dell’Inter è l’Inter stessa. Con tutto il rispetto per gli emiliani, difficile temere qualche individualità. Lo stesso Berardi, se limitato, diventa un giocatore abbastanza innocuo.

Nel match dell’ andata, la gara finì 1-0 in favore dell’ Inter grazie al gol di Candreva. Quale sarà l’approccio da parte degli uomini di Vecchi? Come pensi finirà la partita?
Mi immagino un’Inter molto propositiva nelle prime fasi di gara. Probabile una reazione d’orgoglio, anche se la soglia della decenza è stata già distrutta. Il Sassuolo, in casa però gioca con entusiasmo e ha la testa libera. Immagino un pareggio con tanti gol, magari un 2-2.

LA NOSTRA CONSIDERAZIONE FINALE
Un intervista davvero interessante, in cui abbiamo avuto modo di capire che l’ Inter è obbligata a vincere nonostante il periodo nero che la sta travolgendo. Attenzione però! Dall’ altra parte si troverà un Sassuolo in ottima forma, con ben cinque risultati utili consecutivi (nessuna sconfitta) e che proverà a portare a casa tre punti importanti in chiave classifica.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •