Bernardeschi, una mano santa per la Juventus di Allegri

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Bernardeschi

Bernardeschi, la mano santa di Allegri

Bernardeschi, il bello e il brutto della Juventus a Cagliari. E’ stato il miglior in campo alla Sardegna Arena, con un palo colpito e il gol che ha deciso il match. Ma Federico Bernardeschi è stato anche il protagonista del fallo di mano che ha fatto discutere e che farà discutere ancora parecchio. Andiamo in ordine cronologico. Il primo tempo di Cagliari-Juventus è stato uno dei migliori di questa prima metà del campionato di serie A. Due squadre che si sono affrontate a viso aperto. Coraggiosi i sardi di Diego Lopez, che hanno giocato con la difesa alta e creando più di un pericolo alla difesa bianconera. La Juventus dal canto suo ha avuto la sua razione di occasioni. Due pali colpiti, una traversa di Dybala e appunto il palo di Bernardeschi. Strepitoso Szczesny su Farias. Il portiere polacco, con l’aiuto del palo, ha mantenuto la porta bianconera inviolata per la nona volta nelle ultime dieci partite ufficiali.

Nel secondo tempo il ritmo è comprensibilmente sceso. La Juventus ha dovuto far fronte agli infortuni di Dybala e Khedira. Allegri ha mandato in campo prima Douglas Costa e poi Mandzukic, ridisegnando i suoi con il 4-2-3-1. Quasi all’improvviso è arrivato il gol. Numero sulla destra di Douglas Costa che ha mandato un pallone velenoso spinto in rete da Bernardeschi. Poco prima contatto Pavoletti-Benatia nella trequarti della Juventus. Il difensore bianconero allarga il gomito, era fallo. Calvarese non ha visto l’irregolarità e il Var non è intervenuto. Ammonizione per Pavoletti e atmosfera calda in campo.

potrebbe interessarti ancheCagliari-Brescia: diretta tv e streaming, dove vedere match Serie A 25 agosto, ore 20:45

Bernardeschi, era rigore per il Cagliari

Dopo il fallo non chiamato sul contatto Pavoletti-Benatia, ecco il fattaccio. Su cross dalla sinistra Bernadeschi, in modo scoordinato, colpisce il pallone con il braccio. Era dentro l’area di rigore, quindi c’era il penalty a favore del Cagliari. Calvarese assegna il calcio d’angolo, Banti al Var non lo contraddice. Il regolamento parla di imperizia e danno procurato, entrambi presenti nell’azione incriminata. La partita poteva cambiare. Il Cagliari poteva segnare, poteva sbagliare il rigore, magari la Juventus avrebbe vinto lo stesso. Non lo sapremo mai.

potrebbe interessarti ancheJuventus, Dybala resta in panchina a Parma: cessione piú vicina?

Al netto delle polemiche questi sono tre punti d’oro per Allegri e i suoi. La Juventus resta a meno 1 dal Napoli e allontana Inter e Roma. Ormai il discorso scudetto sembra ristretto ad un duello rusticano tra azzurri e bianconeri. Una sfida che sarà certamente avvincente e piena di polemiche. Come da buona tradizione italiana che si rispetti. Molti pensavano che con l’introduzione del Var le polemiche arbitrali sarebbero finite. Ingenui. L’assistenza video non è un giudice infallibile. Il calcio resta uno sport di interpretazione. Possiamo avere certezze sul gol-non gol, sul fuorigioco. Per il resto sarà sempre l’occhio umano a vedere e decidere. Gli errori si potranno ridurre, ma continueranno a far parte del gioco. Come sempre bisogna accettarli e metabolizzarli, cercando naturalmente di correggerli punendo gli eventuali colpevoli. Chi pensa che ci siano malafede o strani disegni oscuri che decidono in anticipo gli esiti di partite e campionati, la domenica può fare tranquillamente altro. Non ne sentiremo la mancanza.

notizie sul temaParma-Juventus 0-1: Chiellini di tacco! A secco CR7 (video highlights)Novara-Juventus U23, diretta tv e streaming Serie C: dove vedere il match lunedì 26 agostoParma-Juventus 0-1, decide Chiellini, polemiche sull’ arbitraggio (highlights)
  •   
  •  
  •  
  •