Dybala, sfilata e rientro anticipato? Allegri spera di riaverlo per il Tottenham

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Dybala

Dybala, modello per caso

Dybala, modello per caso. Paulo Dybala è tornato a sorridere e divertirsi, sfilando ieri in passerella nella veste inedita di modello per Dolce&Gabbana. La Joya, che ha sfilato in passerella in smoking nero, è sceso in passerella durante la fase finale della sfilata, insieme ai millennials, figli d’arte e divenuti famosi con il web. Una parentesi che ha certamente aiutato l’argentino a distrarsi dai problemi del calcio. Innanzitutto l’infortunio subito a Cagliari lo scorso 6 febbraio. Uno stop muscolare che dovrebbe tenerlo fuori dal campo per 35-40 giorni. Dybala subì lo stesso tipo di problema nella passata stagione. L’argentino si fermò contro il Milan e tornò in campo dopo 38 giorni. Se anche questa volta i tempi fossero gli stessi, allora l’ex Palermo tornerebbe disponibile per Allegri verso la metà di febbraio. Proprio in coincidenza dell’andata degli ottavi di finale di Champions League contro il Tottenham. E quella la X sul calendario per la Joya.

Il match dell’Allianz Stadium si giocherà il 14 febbraio. Il regalo per tutti gli innamorati della Juventus potrebbe essere il ritorno in campo di Dybala. Martedì i bianconeri torneranno ad allenarsi a Vinovo, in vista del match di campionato contro il Genoa. Parallelamente comincerà anche il recupero fisico di Dybala, che certamente non verrà forzato in alcun modo. Allegri ha tante alternative in rosa e non rischierà nulla, come sempre. Da metà febbraio comincerà lo sprint decisivo per la stagione e la Juventus avrà bisogno di Dybala. Del miglior Dybala.

potrebbe interessarti ancheBernardeschi, il jolly che fa volare alto la Juventus. Allegri sta facendo un favore anche a Mancini

Dybala, ci sarà bisogno di lui perché il Tottenham fa paura

Manca esattamente un mese all’andata degli ottavi di Champions League tra Juventus e Tottenham. Gli Spurs sono in grande forma. In campionato ieri hanno battuto per 4-0 il malcapitato Everton. Grande protagonista, come sempre, Harry Kane. Il centravanti di Pochettino ha segnato una doppietta, arrivando a 123 gol segnati con il Tottenham in Premier League. Un record per il bomber inglese, pericolo numero uno per la difesa di Allegri. Gli inglesi sono una squadra molto europea. Segnano tanti e concedono poco, molto poco. Per la Juventus sarà fondamentale un risultato positivo all’andata a Torino, per giocarsi poi tutto nel ritorno nel tempio di Wembley.

potrebbe interessarti ancheFrosinone-Juventus Formazioni: riposo per Bonucci, in attacco ancora Cristiano Ronaldo con Dybala

Per farlo Allegri avrà bisogno del miglior Dybala. Difficile pensare che l’argentino possa essere al top per il match di andata, più probabile che lo sia per il ritorno. Il tecnico bianconero non ha un buon ricordo degli Spurs. Nella stagione 2010/2011 li incrociò in Champions League con il Milan. Anche allora si giocavano gli ottavi di finale. Gli inglesi si imposero per 1-0 a San Siro, per poi pareggiare per 0-0 al ritorno. In quell’annata i rossoneri vinsero lo scudetto. Chissà se Allegri firmerebbe per un epilogo simile. Pensiamo di no, anche perché dopo le due finali perse negli ultimi tre anni la Juventus vuole assolutamente andare avanti il più possibile in Europa. Manca un mese, manca meno alla partita contro il Genoa di Ballardini. Un avversario che fa sempre soffrire i bianconeri. Allegri aspetterà Dybala, ma intanto non può fare a meno di continuare a vincere. Altrimenti il Napoli può scappare.

notizie sul temaMassimo Mauro: “Questa Juventus può diventare la più forte di sempre. La Serie A per loro è una passerella”Infortunio Khedira, stop per il tedesco. Allegri non lo avrà per Juventus-NapoliJuventus, è Pjanic l’insostituibile di Allegri: il bosniaco fondamentale più di Cristiano Ronaldo
  •   
  •  
  •  
  •