Inter, dal sogno scudetto all’emergenza. Il crollo dei nerazzurri

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui

Spalletti, allenatore dell’Inter

Il campionato è ancora lungo, è appena ripartito il girone di ritorno, ma nell’ultimo mese è stato ben evidente a tutti il crollo dell’Inter che, dal sogno scudetto passa all’emergenza.

Un momento di crollo fisico e non solo, tra l’altro del tutto inaspettato per gli uomini di Spalletti che, dopo un periodo brillante e con una serie di record uno dopo l’altro e il primato in classifica, si ritrova oggi al terzo posto. Un terzo posto traballante anche, perché nel caso la Roma vincesse la partita di oggi, i nerazzurri si ritroverebbero con gli stessi punti dei giallorossi. Dopo la grande prestazione contro la Juventus, sono stati evidenti problemi di varia natura tra i nerazzurri, non solo fisici, anche a livello psicologico e tecnico.

potrebbe interessarti ancheDove vedere Inter-Milan streaming e diretta tv, Serie A oggi ore 20.30

Il pareggio di ieri contro la Fiorentina è il quinto dei risultati non positivi, due k.o., contro Sassuolo e Udinese, e tre pareggi, Juventus, Lazio e Fiorentina. Non solo scarsi risultati, solo tre punti in cinque partite, anche il numero dei gol è misero, solo due. Difficoltà ad esprimersi sotto vari aspetti, i giocatori sono molto stanchi, Icardi non segna più come una volta, Candreva sembra spento, poi ci sono gli infortunati D’Ambrosio e Miranda, ai quali si è aggiunto anche Ranocchia, portando così la difesa nerazzurra a dimezzarsi ed entrare in emergenza. Spazio per nuovi arrivi non c’è, Thohir è stato chiaro, in quanto bisogna anche dar conto al bilancio.

potrebbe interessarti anchePartite Serie A oggi 21 ottobre: alle 15 Parma-Lazio e Bologna-Torino, nel posticipo il derby Inter-Milan

I giocatori in campo erano bloccati da difficoltà fisiche, così come ha dichiarato Spalletti a fine match: “Nagatomo ha giocato con la febbre, Ranocchia con il dolore al costato e Borja Valero non ha espresso al meglio le sue qualità tecniche”. Il ct dell’Inter ha dichiarato, ai microfoni di Premium Sport, tutte le motivazioni che hanno portato la sua squadra a questo crollo che spinge all’emergenza: “In questa settimana sono successe diverse situazioni che ci sono state contrarie. I problemi di Nagatomo e Ranocchia, ma anche la difficoltà mentale della squadra che non porta al termine le azioni e perde qualche pallone di troppo. Oggi non si riusciva a tenere palla, abbiamo creato diverse occasioni ma non abbiamo portato a termine. Abbiamo giocato una buona partita, ma loro hanno forzato, riuscendo a tenere bene il pallone e hanno ottenuto un pareggio meritato”. 

notizie sul temaLIVE Inter-Milan, diretta tempo reale risultato Derby: probabili formazioniMessi frattura al radio, out contro l’Inter in Champions. Stop di 3 settimaneL’Inter pronta a giocarsi una carta sorprendente per arrivare a Modric
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: