Roma, Ferrero critica i giallorossi : “Schick buttato nella mischia senza nemmeno farlo allenare”

Pubblicato il autore: Carlo Pranzoni Segui

TURIN, ITALY - DECEMBER 23:Eusebio Di Francesco manager of AS Roma instructions to his players during the serie A match between Juventus and AS Roma at the Alliannz Stadium on December 23, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Negli anni ci ha abituato ad alcune uscite fuori dalle righe e molto diverteni, anche se a qualcuno potranno essere sembrate irrispettose e fuori luogo. Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, è sicuramente uno degli uomini più “strambi” attualmente presenti nel calcio italiano ma, come dimostrano i risultati ottenuti in questi anni, è anche uno che di calcio se ne intende. Il patron doriano sarà certamente soddisfatto dell’ottima stagione che la squadra di Giampaolo sta disputando, con i blucerchiati a ridosso della zona europea, ma ha sempre un occhio di riguardo alla sua squadra del cuore : la Roma. E proprio con la Roma, Ferrero ha concluso uno degli affari più importanti dell’ultimo calciomercato estivo, ossia quel Patrick Schick , prima a un passo dalla Juventus, per poi diventare l’acquisto più oneroso dell’intera storia della squadra giallorossa.

Schick ? Mandato in campo senza allenarsi. Un giorno varrà 100 milioni“- E proprio l’attacante ceco è stato uno degli argomenti trattati dal patron sampdoriano durante la sua intervista al programma televisivo Tiki Taka : “Alla Roma ho venduto un campione, un talento naturale. Non lo hanno mai fatto allenare e lo hanno buttato subito nella mischia, per questo fino a questo momento ha deluso molto. Senza contare il peso della pressione, che in una piazza come Roma è tantissima. Dategli tempo di crescere, un giorno varrà 100 milioni, vedrete. “ Due paroline poi sulla situazione giallorossa in questa stagione : “La Roma rimane una grande squadra nonostante le difficoltà incontrate. Ha individualità importanti che stanno uscendo fuori. E poi la Roma si ama, non si discute.”

  •   
  •  
  •  
  •