Chievo, Gian Piero Ventura si è dimesso. D’Anna o Di Carlo i possibili successori

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Gianpiero Ventura – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Clamoroso ed inaspettato ciò che è avvenuto al termine del match tra Chievo e Bologna. Il pareggio per 2-2 evidentemente non ha soddisfatto Gian Piero Ventura o molto presumibilmente ha rappresentato l’ultima goccia di un vaso già stracolmo, tant’è che l’ex commissario tecnico della Nazionale italiana, giunto nello spogliatoio dei gialloblù, ha comunicato a tutta la squadra la volontà irrevocabile di dimettersi.

Ventura, quindi, lascia il Chievo dopo appena quattro giornate di campionato disputate, in cui ha raccolto un solo punto ed ha subito ben tre ko contro Atalanta, Cagliari e Sassuolo, siglando complessivamente 4 gol e subendone 11. I veneti, ora, sono appaiati all’ultimo posto a quota 0, riuscendo, perlomeno, a cancellare la zavorra del -3 di penalizzazione. I motivi di tale decisione, giunta come un fulmine a ciel sereno, verranno spiegati quest’oggi alla presenza del presidente Campedelli, ma nel dopo-gara di ieri anche il direttore sportivo Romairone, faceva fatica a comprendere quest’improvvisa scelta presa dall’allenatore ligure.

potrebbe interessarti ancheSerie B 2019-2020 7.a giornata, le partite di oggi: Livorno-Chievo il clou

Ventura pare che abbia parlato di una situazione di malessere personale, di disagio, di non aver trovato un ambiente in cui potersi esprimere. Indubbiamente l’ex allenatore, tra le altre, di Sampdoria, Bari e Torino aveva intenzione di ripartire dopo il drammatico epilogo della sua avventura in azzurro e la scommessa Chievo poteva apparire quanto di più pericoloso ma suggestivo da intraprendere al fine di cancellare un’etichetta assai fastidiosa, ossia quella di essere il c.t. che dopo 60 anni non era riuscito a condurre l’Italia nella fase finale di un Mondiale.

Nulla di tutto ciò si è verificato: la situazione complicata in casa clivense non ha agevolato il suo lavoro ed anche i risultati non sono apparsi adeguati alle premesse. Ventura nelle ultime settimane aveva percepito qualche segnale di risveglio ma il solo punto conquistato sui sei a disposizione nei due match consecutivi al “Bentegodi” non lasciano ben sperare per il cammino futuro verso la salvezza. A ciò, come ipotizzato, potrebbe esserci dell’altro, al momento sconosciuto ai più. Resta, comunque, il fatto che l’allenatore genovese si sia dimesso, certificando, così, una resa inaspettata.

potrebbe interessarti ancheSerie B: Livorno-Chievo – streaming e diretta tv Dazn – 5 ottobre 2019

Ora è caccia al suo sostituto. Attualmente le piste che vengono vagliate con maggiore attenzione sono quelle che conducono ad un ritorno sulla panchina dei clivensi di Lorenzo D’Anna, esonerato lo scorso 8 ottobre, oppure si vocifera di un ammiccamento dei dirigenti gialloblù nei confronti di Domenico Di Carlo, ex tecnico del Chievo nelle stagioni 2008/2009, 2009/2010, 2011/2012 e per soli sei partite nell’annata 2012/2013. Nelle prossime ore verrà fatta chiarezza in tal senso, comprendendo ancor di più i motivi che hanno spinto Gian Piero Ventura ad abbandonare anzitempo quest’esperienza in sella alla compagine gialloblù, nata sotto tutt’altri auspici dopo la disfatta di un anno fa con la Nazionale azzurra.

notizie sul temaSerie B: il punto dopo 5 giornate di campionatoSalernitana-Chievo: dove vedere il match, streaming gratis e diretta tv 25 settembreVentura, l’uomo del destino
  •   
  •  
  •  
  •