Cagliari-Atalanta, orobici inarrestabili: la Champions League non è lontana

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Se l’Atalanta riesce a vincere anche sfide scorbutiche, insidiose, in cui gli spazi a disposizione sono risicati e non si materializza la solita goleada, significa allora che la Dea sia una seria pretendente ad entrare nel novero delle prime quattro del nostro campionato. La banda guidata da Gian Piero Gasperini ha espugnato la “Sardegna Arena” di Cagliari per 0-1, grazie alla rete decisiva messa a segno, al 50′, da Hateboer.

Tre punti di vitale importanza per gli orobici che salgono a quota 35 in classifica, occupando il quinto posto a braccetto con Roma e Lazio, posizionandosi a -1 dal Milan quarto, ultimo gradino utile per accedere alla prossima edizione della Champions League. Miglior attacco della serie A con 48 reti realizzate, l’Atalanta è in striscia positiva da sette gare, tra campionato e Coppa Italia, collezionando cinque trionfi e due pareggi. L’ultimo ko risale al 22 dicembre scorso in occasione del 3-1 subito in casa del Genoa. I nerazzurri forniscono la sensazione di essere costantemente in partita, applicando un gioco veloce, dispendioso dal punto di vista energetico, ma efficace nel mettere in affanno le compagini avversarie.

potrebbe interessarti ancheAtalanta-Empoli 0-0 (Video Highlights Serie A): Dragowski salva gli azzurri, Orobici a -2 dal Milan

Nella prima frazione di gara ci è voluto uno dei miglior Cagliari della stagione, se non il migliore, per tenere a bada i vari Gomez e Zapata, controllando i loro attacchi, concedendo il meno possibile. Poche emozioni nei primi quarantacinque minuti, quindi, tanto agonismo, molto movimento, ma scarsi sussulti. Nella ripresa, invece, la Dea pigia forte il piede sull’acceleratore ed inizia sin dalle prime battute a cingere d’assedio la metà campo avversaria.

Il gol del vantaggio si concretizza al 50′ quando su cross di Castagne, prolungato da Faragò, è Hateboer a non lasciare scampo a Cragno. A seguire ci provano Pasalic, Zapata, il neo entrato Ilicic, tutti intenti a rimpinguare il bottino al fine di mettere in cassaforte una vittoria corroborante. La difesa nerazzurra viene messa alla prova raramente, se non con un tiro di Pavoletti, su assist di Joao Pedro, terminato di pochi centimetri sul fondo. Il rischio più grande, però, per gli ospiti, avviene al 90′, quando su cross da calcio d’angolo è Deiola a svettare di testa, in area, centrando in pieno il montante.

potrebbe interessarti ancheAtalanta-Empoli streaming live e diretta TV Serie A, dove vedere il match oggi 15/04

Pericolo scampato per la Dea, che può tirare, così, un sospiro di sollievo. Vincere a Cagliari non era affatto semplice, in quanto la compagine sarda rappresenti un avversario indomito e dotato di interessanti individualità. L’Atalanta ha dovuto sfoderare una prestazione in cui la pazienza ha giocato un fattore fondamentale. Oltre a ciò vi è stata la bravura nel gestire il risicato vantaggio, non disdegnando, però, di attaccare. Per il resto un pò di fortuna non ha fatto altro che agevolare gli uomini di Gasperini in quest’impresa.

I nerazzurri volano nelle zone alte di classifica, non rivestendo più il ruolo di outsider, ma di realtà affermata negli anni, in grado di competere a viso aperto anche con le cosiddette big del nostro torneo. La banda del Gasp si candida, inequivocabilmente, per un posto nell'”Europa dei grandi“.

notizie sul temaSconcerti e Caressa, gli errori di Fabbri sono ininfluenti per il campionatoInter, Icardi spacca San Siro: la Curva fischia l’argentino contro l’AtalantaInter – Atalanta 0-0: pareggio senza reti, nerazzurri a +5 sul Milan
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: