Parma-Inter, decide Lautaro Martinez. Nuovo inizio per i nerazzurri?

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

L’Inter interrompe il trend negativo di questo inizio 2019. Dopo il pareggio a reti bianche contro il Sassuolo e le due sconfitte consecutive con Torino e Bologna, al “Tardini” di Parma i nerazzurri tornano a sorridere e lo fanno superando i gialloblù per 0-1 grazie al gol messo a segno, al 79′, dall’argentino Lautaro Martinez. La banda guidata da Luciano Spalletti conquista, così, tre punti molto importanti al fine di consolidare il terzo posto, issandosi a quota 43, cinque lunghezze più sù rispetto alle inseguitrici Roma e Lazio.

La Beneamata torna al successo dopo l’ultimo conquistato, sempre lontano da “San Siro“, lo scorso 29 dicembre, in occasione dello 0-1 rifilato all’Empoli. Prosegue, invece, il digiuno di Mauro Icardi che non va in gol in campionato dal 15 dicembre, quando risolse, su calcio di rigore, la sfida con l’Udinese, da lì in avanti sette gare senza freddare i portieri avversari. L’Inter ha finalmente disputato una buona prova corale, impreziosita da una prestazione decisamente confortante da parte di Radja Nainggolan, il quale al termine del match ha dichiarato, al microfono di Sky Sport, di aver instaurato un patto con la società al fine di migliorare il proprio stato di forma, con lo scopo di perseguire ottimi risultati, rivedendo anche il suo stile di vita.

potrebbe interessarti ancheCaso Icardi: l’argentino continua ad allenarsi da solo. Il suo futuro è sempre meno nerazzurro

Spalletti, invece, ha mostrato soddisfazione per i tre punti incamerati anche se ha invitato i vertici dirigenziali a risolvere, il prima possibile, la “granaIcardi, in quanto, a suo giudizio, il capitano nerazzurro appaia piuttosto distratto da questa vicenda contrattuale che stenti a raggiungere la tanto attesa fumata bianca.

Dal punto di vista tattico, l’allenatore di Certaldo si è presentato al “Tardini” facendo leva sul 4-2-3-1 con Skriniar e De Vrij al centro della difesa, Vecino e Brozovic sulla mediana, e con il terzetto, sulla trequarti, composto da Joao Mario, Nainggolan e Perisic a supporto dell’unica punta Icardi. Il primo tempo, però, è stato di marca emiliana, con i padroni di casa di gran lunga più temibili rispetto ai nerazzurri, creando l’occasione più ghiotta con Gervinho che ha colpito la traversa.

potrebbe interessarti ancheInter, a volte ritornano: Perisic e Nainggolan regalano tre punti d’oro

Nella ripresa, invece, l’Inter ha preso coraggio ed ha relegato sulla difensiva i ducali. Un tentativo di Nainggolan viene bloccato da Sepe in uscita mentre a D’Ambrosio viene annullato un gol per aver toccato la palla con il braccio. Al 77′ Spalletti richiama in panchina Joao Mario per inserire Lautaro Martinez. Trascorrono appena due minuti e su passaggio in verticale di Nainggolan è proprio “El Toro” a superare l’estremo difensore gialloblù attraverso un tiro sotto l’incrocio. Quarto gol in campionato per il numero 10 argentino e gioia immensa per la compagine nerazzurra. A seguire ci prova Vecino, ma il suo tiro da posizione ravvicinata viene intercettato sulla linea di porta da Gagliolo. Nei minuti finali, invece, è il turno di Brozovic, la cui conclusione dal limite dell’area si stampa sul palo.

Termina così il match del “Tardini“, con la Beneamata che conquista l’intera posta in palio su un terreno di gioco tutt’altro che semplice e al cospetto di un avversario, il Parma, in grado di chiudersi e poi ripartire tempestivamente. Il successo in terra emiliana rappresenta una boccata d’ossigeno anche dal punto di vista mentale, in modo tale da proiettarsi alla prossima sfida di Europa League, contro il Rapid Vienna, con rinnovato ottimismo e qualche certezza in più.

notizie sul temaZaniolo-show, il giovane fenomeno della Roma rimpianto anche della JuventusWanda Nara, lacrime in tv: “Icardi vuole restare all’Inter”Il punto di Cristallo: 24a giornata, la Juventus ipoteca il discorso scudetto, bagarre nelle retrovie
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: