Inter, Icardi spacca San Siro: la Curva fischia l’argentino contro l’Atalanta

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Come in ogni telenovela che si rispetti il pubblico si è diviso tra sostenitori e critici nei confronti del personaggio principale. Anche ieri pomeriggio a San Siro è andato in scena lo stesso copione nei confronti di Mauro Icardi, tornato a calcare il palcoscenico dello stadio milanese ad oltre due mesi dall’ultima apparizione ( da capitano ) di fronte al pubblico di casa.  Ed il “bentornato” riservato dai tifosi nerazzurri all’attaccante argentino è stato di segno opposto: da un lato la Curva Nord, sede del tifo più viscerale nei confronti della formazione nerazzurra, che ha proseguito con la propria posizione di critica verso Icardi, dall’altro il resto dello stadio che è sembrato voler sotterrare l’ascia di guerra ed andare verso la riconciliazione con l’ex capitano dell’Inter.
Non è la prima volta che il pubblico di San Siro si divide sull’accoglienza da riservare alla squadra nerazzurra. Era successo qualche stagione fa quando la Curva Nord criticò aspramente le prestazioni della squadra con il resto della tifoseria nerazzurra che si dissociò apertamente dalla contestazione messa in atto dai supporters della curva. Anche all’epoca al centro di tutto vi era Mauro Icardi che anche ieri ha spaccato in due San Siro nel giorno del suo ritorno in campo davanti al pubblico di casa dopo l’esautorazione dai gradi di capitano decisa dalla società ed il periodo passato fuori squadra dall’argentino.  Già l’accoglienza di Mauro Icardi nella gara esterna di Genova contro il Grifone non era stata da parte della Curva Nord delle migliori tanto che nelle ore successive alla partita in rete ha fatto capolino un video in cui si vedrebbero i tifosi della Curva Nord invitare i supporters nerazzurri a non esultare dopo il calcio di rigore messo a segno proprio da Icardi.  Anche ieri la Curva Nord ha accolto l’attaccante argentino non in modo conciliante riservando ad Icardi cori offensivi ( “Uomo di m…” , ” Mercenario”) e fischi durante la lettura delle formazioni. Segno di come la posizione manifestata in più di una occasione dalla frangia più accesa del tifo nerazzurra nei confronti della vicenda Icardi non sia cambiata.  Completamente diversa invece è stata l’accoglienza riservata dal resto del pubblico interista che ha dato ad Icardi un benvenuto più conciliante. Nel primo anello Blu ha fatto la comparsa lo striscione ” Bentornato Capitano”, come se il tempo si fosse fermato a qualche mese fa quando l’argentino, con la fascia di capitano al braccia, trascinava la formazione nerazzurra in campionato.  Il resto dello stadio ha inoltre contestato l’atteggiamento della Curva Nord rispondendo ai cori contri Icardi con altrettanti sonori fischi ed alcuni tifosi dell’Inter hanno interrotto  il minuto di silenzio per il ricordo delle vittime del terremoto dell’Aquila per urlare a Icardi: “Vai Mauro!”.
La sensazione è che da qui a fine stagione il clima attorno ad Icardi rimarrà come questo primo scorcio di primavera: alcuni raggi di sole coperti dalle ultime code di un inverno rigido ed inclemente. Con la speranza, per tutti i tifosi nerazzurri, che con il passare delle settimane si possa mettere definitivamente alle spalle il rigore invernale e lasciare spazio definitivamente al tepore primaverile.

potrebbe interessarti ancheRitiri estivi squadre Serie A: le date e i luoghi dell’inizio della preparazione fisica
potrebbe interessarti ancheNeymar-Inter, Sundas lavora per portare il brasiliano a Milano

notizie sul temaStorie di Calcio: com’è nato il procuratore sportivo?Sconcerti: “Inter, stai svendendo Icardi. Chi lo compra fa un affare”San Siro: Milan e Inter vogliono la demolizione
  •   
  •  
  •  
  •