Inter o Juventus? Corsa al titolo di campione d’inverno

Pubblicato il autore: GennaroIannelli Segui

Inter o Juventus? Il testa a testa per il titolo d’inverno

Ci siamo: archiviata la tre giorni di coppe europee, è giá tempo di rituffarsi nel campionato, dove è in corso di svolgimento un duello acceso tra due rivali storiche del nostro calcio: Inter e Juventus. Come arrivano le due squadre a questa volata finale verso il titolo (seppur platonico) piú ambito di metà stagione? Entrambe hanno cambiato guida tecnica e hanno mostrato miglioramenti sensibili ma anche qualche punto di contatto rispetto alle precedenti gestioni.

potrebbe interessarti ancheInter, Lukaku racconta il suo rapporto con Conte:”Dice in faccia se sbagli”

Inter, Conte deve evitare la “crisi” di metà anno

Partiamo dalla capolista: l’Inter. La squadra di Antonio Conte é quella uscita maggiormente con le “ossa rotte” dalla sfida di Champions. La sconfitta contro il Barcellona ha condannato i nerazzurri all’eliminazione, facendo sorgere non poco rammarico per i punti persi malamente in sfide abbordabili come quella contro lo Slavia Praga. La beneamata è anche quella che sta peggio sotto il profilo degli infortuni e sará costretta a rinunciare ad elwmenti fondamentali per il proprio gioco come Sensi e Barella.
Un dato dovrebbe poi tenere in allerta Conte: la squadra nerazzurra ha già occupato la vetta della classifica dopo quindici giornate nel passato recente: successe con Mancini (2015/16) e con Spalletti (2017/18). Se il “Mancio” aveva un punto di vantaggio sulla Fiorentina e riuscí a perdere lo scudetto d’inverno al “fotofinish” con due sconfitte nelle ultime quattro gare, Spalletti, che di punti ne aveva 39, contro i 38 di Conte, riuscí a racimolare appena due punti sui dodici disponibili.
All’allenatore leccese si chiede dunque di tenere alta la tensione dei suoi, e in questo lui è un maestro, nonostante un calendario mon proprio favorevole: Fiorentina e Napoli in trasferta, con Genoa e Atalanta in casa, rappresentano infatti gli ultimi scofli per arrivare al giro di boa da primi della classe.

Juventus, Sarri da “capogiro” nelle ultime di ritorno, ma certe battute d’arresto…

Tradizione piú favorevole alla Juventus che, nell’era Allegri, non ha mai perso nelle ultime quattro di andata con una media di tre vittorie e un pareggio. Media perfettamente pari a quella di Sarri che, nei tre campionati a Napoli, ha raccolto per tre volte su tre 10 punti sui 12 disponibili. La squadra bianconera arriva anch’essa leggermente acciaccata a questi “rush” finale (Costa e Chiellini sono sempre ai box), ma potrà contare sull’apporto di  Bentancur che sembra aver recuperato dall’infortunio contro la Lazio. Il calendario, poi, sorride a Madama che dovrà affrontare Udinese e Cagliari in casa con le trasferte di Genova (sponda Sampdoria) e Roma (sponda giallotossa). Proprio la sfida ai giallorossi di Fonseca sembra essere il banco di prova piú probante per testare la reale forza dei campioni d’Italia. I ragazzi di Sarri saranno attesi su un campo dove non vincono ormai da 9 anni. Sarà fondamentale dare una prova di maturità ed evitare certo black-out (inconsueti per una squadra “schiacciasassi” come lei) che le sono costati punti pesanti contro avversari abbordabili come Lecce e Sassuolo. Mai la squadra bianconera (fatta eccezione per il campionato 2015/16) aveva perso tanti punti dopo 15 giornate, nè aveva preso 15 gol (media di uno a partita). La musica, in fase difensiva, deve cambiare se si vuole puntare ad allungare la striscia di trionfi.

potrebbe interessarti anchePalinsesto Dazn Serie A 21° giornata: programmazione del weekend

Inter e Juventus, corsa al titolo d’inverno: calendari a confronto

Questo il calendario delle due squadre a confronto. In maiuscolo sono segnate le sfide che le due compagini disputeranno in casa
Inter, punti 38: (Fiorentina, GENOA, Napoli, ATALANTA)
Juventus, punti 36: (UDINESE, sampdoria, CAGLIARI, Roma)

Inter o Juventus: chi vince il titolo d’inverno? Possibile arrivo a pari punti

Entrambe le squadre potrebbero avere problemi in trasferte insidiose come quelle di Firenze, Napoli e Roma. Non ci sarebbe da sorprendersi se, alla fine del girone d’andata, le due squadre si trovassero appaiate a quota 46 punti in classifica.

notizie sul temaAtalanta, Gosens grande stagione. Mercato? Prima la DeaPjaca-Cagliari, è fatta: visite mediche per il croatoBrescia-Milan streaming gratis e diretta Tv Serie A: dove vedere il match del 24/1
  •   
  •  
  •  
  •