Stefano Tarolli esordisce in Bari-Foggia: la storia di un predestinato

Pubblicato il autore: Teo Carlucci Segui


Stefano Tarolli è un portiere classe 1997
cresciuto calcisticamente a Foggia prima di fare diverse esperienze fuori. Il calciatore ha esordito tra i professionisti quest’oggi nel derby Bari-Foggia. Un derby tra i più sentiti in Italia e che mancava da ben 19 anni. Una partita tutt’altro che facile per esordire, sopratutto se sei così giovane, sei foggiano e tifoso del Foggia e ricopri un ruolo così importante: il portiere.

Quando accadono queste cose capisci di essere un predestinato, e chi lo conosce e lo segue da quando è piccolo, probabilmente lo aveva capito da sempre. Stefano Tarolli all’età di 5 anni, ai tempi attaccante, giocava nella scuola calcio San Guglielmo e Pellegrino di Foggia ed ebbe un problema al cuore che fece preoccupare dirigenti e compagni. Si pensavano a gravi conseguenze o che comunque la sua avventura calcistica non potesse mai iniziare e invece Tarolli, torna più forte di prima. A causa di questo problema non può sforzare il cuore e decide di iniziare la sua avventura tra i pali. Un predestinato si vede da questo: da un grosso problema è riuscito ad emergere il suo talento e a diventare il portierone che è oggi.

Tante le avventure di Stefano Tarolli da Foggia a Lanciano, da Piacenza a Manfredonia, ma adesso dopo una prestazione simile sembra aver conquistato il cuore dei tifosi rossoneri. I tifosi hanno criticato a lungo Guarna che in questa prima parte di stagione ha un po’ deluso e ora, essendo stato reintegrato Sanchez al suo posto, la maglia da titolare verrà contesa tra i tre portieri.

Anche oggi ha dato sprazzi del suo grande talento e in un ambiente calcistico morto come quello meridionale, Stefano Tarolli sembra che voglia emergere con tutte le sue forze. Un solo goal subito, all’esordio, a tempo scaduto da un attaccante foggiano. Male il risultato ma il
giovane Tarolli sarà sicuramente fiero della sua prestazione così come dimostrano i commenti su tutti i social. Avere l’appoggio dei propri tifosi, in un momento come questo, è decisivo e Stroppa dovrebbe capire che Tarolli è ben voluto da gran parte dei tifosi.

Adesso vedremo nelle prossime prestazioni a chi toccherà difendere i pali dei satanelli, ma siamo sicuri che, continuando così, Tarolli riesca ad arrivare ben presto dove merita. Good luck Stefano.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,