BKT, la Serie B di calcio assumerà questo nome per le prossime 3 stagioni

Pubblicato il autore: Luca Parigi Segui

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Cambia l’anagrafe del campionato cadetto. Per le prossime 3 stagioni, infatti, la Serie B di calcio italiana si chiamerà BKT. L’intesa con la stessa BKT è stata siglata venerdì 22 giugno a Milano e prevede che il torneo assuma quest’appellativo per i campionati 2018/19, 2019/20 e 2020/21. Per chi non la conoscesse, la BKT è un’azienda con sede in India, a Mumbai, specializzata nella produzione di pneumatici per veicoli che non circolano in strada, ovvero macchine agricole, industriali e per l’impresa edile. Il partnerianato con la realtà indiana segna un punto di svolta importante per la crescita della Lega cadetta e probabilmente aprirà anche le porte a un processo d’internazionalizzazione del torneo. Nel corso del convegno si è anche discusso di una possibile diminuzione delle squadre partecipanti al torneo.

potrebbe interessarti ancheRisultati Serie B oggi 25 settembre: successo Verona, Benevento espugna Cittadella

BKT, il nuovo nome della Serie B di calcio italiana

BKT è una sigla che gli appassionati di calcio sentiranno nominare spesso, almeno per i prossimi 3 anni. Acronimo di Balkrishna Industries Limited,  infatti, questo nome indicherà il campionato di calcio italiano di Serie B per le prossime 3 stagioni. L’accordo tra la lega cadetta e la stessa compagnia manifatturiera indiana è stato raggiunto venerdì 22 giugno a Milano, alla Torneria Tortona, e ha fatto sortire anche la nascita di un nuovo logo. Nei dettagli, la dizione di Serie BKT sarà attiva per i campionati di calcio di Serie B delle stagioni 2018/19, 2019/20 e 2020/21. Sulla carta quest’importante partnership è soddisfacente per entrambe le parti perchè permette al secondo torneo di calcio italiano di farsi conoscere maggiormente in campo internazionale e alla BKT di far associare il suo nome a un’importante manifestazione sportiva europea. Non è affatto escluso, pertanto, che alla fine dei 3 anni la partnership non si possa rinnovare.

potrebbe interessarti ancheSerie B, il Crotone nella morsa del pitone Mancuso ed il Pescara vola

Il futuro della Serie B: si cambia?

Durante l’incontro sono emerse anche delle ipotesi per il futuro del campionato cadetto. L’idea che pare più concreta è quella di diminuire il numero delle squadre partecipanti da 22 a 20, con conseguente diminuzione delle partite del torneo e aumento delle squadre che avrebbero accesso alle griglie dei play off e dei play out. Questa considerazione nasce dal fatto che sia le sfide dirette per diventare la terza squadra promossa in Serie A, sia quelle disputate per evitare la retrocessione in Terza Serie, hanno appassionato molti sportivi e hanno anche fatto andare allo stadio molte persone. In un campionato lungo come quello di Serie B, infatti, può essere plausibile che a un certo punto sopraggiunga un senso di noia per la grande mole di partite ordinarie da seguire. Le partite con meccanismo “dentro o fuori”, invece, regalano sempre delle emozioni sicure e sono quindi quelle più ideali per richiamare i tifosi sugli spalti degli impianti sportivi. La riprova di quanto appena detto è data direttamente dalla passione con la quale i tifosi e gli amanti di calcio hanno seguito i recenti play out tra Ascoli e Virtus Entella e la finale dei play off disputata da Frosinone e Palermo. A onor di cronaca, ricordiamo proprio che dall’ultimo campionato di Serie B sono salite in A l’Empoli, il Parma e lo stesso Frosinone.

notizie sul temaDazn palinsesto partite Serie A, Serie B, Liga e Ligue 1 (25-26-27 settembre): orari e programmaCAGLIARI, ITALY - NOVEMBER 05: Bruno Zuccolini of Verona celebrates his goal 0-1 during the Serie A match between Cagliari Calcio and Hellas Verona FC at Stadio Sant'Elia on November 5, 2017 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)Calendario Serie B, le partite di oggi 25 Settembre: Verona in casa, trasferte per Palermo e BeneventoFormazioni Pescara-Crotone: pitagorici che cercano il riscatto dopo il ko casalingo di sabato
  •   
  •  
  •  
  •