Il gigantesco valzer delle panchine: ecco il quadro

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

image

potrebbe interessarti ancheNapoli, Insigne è un caso per Ancelotti: via in estate?

Siamo a Marzo e mancano nove giornate al termine della stagione. In testa è lotta-scudetto tra Napoli e Juventus Coltivano sogni Champions Roma, Fiorentina e Inter. Sulle panchine iniziano a farsi largo le indiscrezioni per la prossima stagione: per ora sono solamente voci, idee, progetti. Però ci sono alcune indiscrezioni che creano stupore, anche se ovviamente nulla è deciso.
ATALANTA- E’ noto che la stagione orobica non sta andando nel migliore dei modi. Certo, il mercato non aiuta ma la posizione di Edoardo Reja non è molto solida, anzi. Il nome più gettonato è quello di Andrea Stramaccioni, attuale tecnico del Panathinaikos. L’ultima stagione in Italia (Udinese) non è stata certo positiva, però parrebbe vicino alla panchina bergamasca.
BOLOGNA: Donadoni sta facendo bene ed è volontà della dirigenza di farlo restare. Ma se arriva la Nazionale, Ventura parrebbe il candidato numero uno.
CARPI: Castori dovrebbe rimanere anche in caso di retrocessione. Però c’è l’idea Calori, al debutto assoluto in A
CHIEVO: la stagione dei clivensi è stata positiva. Maran è praticamente certo di rimanere. Più defilata l’idea Corini (che piace all’Hellas) e quella di Baroni, attuale tecnico del Novara.
FIORENTINA: la questione sembra più spinosa del dovuto. Sousa sta facendo molto bene, ma è rimasto deluso dal mercato, c’è poco da dire. Stuzzica e non poco l’idea Di Francesco, già tra i papabili di quest’estate.
FROSINONE: nonostante la classifica, il debuttante Stellone non è andato proprio male, però si pensa anche a Mandorlini, esonerato dal Verona a novembre, e a Drago, attuale tecnico del Cesena. Dipenderà anche dalla categoria.
GENOA: annata sottotono per i liguri. Gasperini non pare così sicuro. Era dato come probabile al Torino, ovviamente verificando la situazione-Ventura, legato ancora da un anno di contratto. In pole ci sarebbe Juric, attuale tecnico del Crotone.
INTER: i nerazzurri hanno deluso nel girone di ritorno. Mancini non è così sicuro, anche se molto probabile. Per il dopo-Conte (dato per certo al Chelsea) potrebbe essere favorito. In lizza per la panca nerazzurra ci sono Montella, Bielsa ( sponsorizzato da Zanetti), e Frank De Boer, attuale tecnico dell’Ajax.
JUVENTUS: Allegri sta compiendo un nuovo miracolo, ma a Torino non pare inamovibile: troppo ghiotta l’idea Real Madrid. Se dovesse partire, tra i papabili ci sarebbero Vincenzo Montella (vecchia idea della proprietà) o Paulo Sousa, anche questa idea già pensata tempo fa.
LAZIO: durante l’anno si pensava a Trapattoni per sostituire Pioli in corsa. Poi la situazione è migliorata, nonostante non vi sia continuità di risultati. In pole ci sarebbe Sinisa Mihajlovic, il cui futuro a Milano è più incerto che mai. Poi c’è Juric, allenatore del Crotone, adocchiato anche dal Genoa.
MILAN: si diceva di Mihajlovic. In caso di divorzio la dirigenza pensa a Di Francesco, visti i risultati col Sassuolo: non dispiacerebbe Donadoni, anche se gli ex giocatori hanno fin qui fatto flop. Un’altra idea stuzzicante sarebbe quella di Maurizio Sarri, la cui posizione a Napoli non è così solida come si pensi.
NAPOLI: dipende da come finirà il campionato e se ci sarà accordo tra lui e il presidente. In caso di separazione (ma le possibilità non paiono alte)c’è sempre l’idea Montella, che poteva già concretizzarsi quest’estate.
PALERMO: è arrivato Novellino e debutterà domenica sera contro il Napoli. Spunta il nome, ancora una volta di Juric del Crotone, ma è tutto avvolto nella nebbia.
ROMA: è l’unica panchina dove la posizione di Spalletti è più solida che mai.
SAMPDORIA: Montella è riuscito a migliorare una situazione molto precaria, ma la sua permanenza a Genova è avvolta nel dubbio. Se dovesse migrare altrove, ci sarebbe l’idea Pioli, desideroso di rilanciarsi.
SASSUOLO: come è noto, sono tutti entusiasti di Di Francesco, ma sono anche certi che sia difficile trattenerlo. Se dovesse andarsene, ci sono tre idee pronte: Pioli, Giampaolo e Maran.
TORINO: dipende come andrà la stagione. Ventura ha un anno di contratto ma si sa come vanno queste cose (vedi Montella a Firenze): bisogna capire se c’è volontà reciproca di continuare assieme. Pioli e Gasperini appaiono i papabili. Più defilata l’idea Di Francesco.
UDINESE: l’annata è stata deludente ed è alquanto difficile che Colantuono rimanga. Pioli è annoverato come idea, ma anche quella dell’ex Calori.
VERONA: nonostante tutto, Del Neri non sta facendo male e la dirigenza lo vorrebbe avere anche per la risalita immediata in A: bisogna capire se potrebbe accettare. Se dovesse andarsene, si pensa a Di Carlo, attualmente allo Spezia, oppure a Corini e Oddo.
NAZIONALE: pare deciso che Conte emigri dopo l’Europeo, comunque vada. Donadoni stuzzica, e sarebbe il secondo ritorno, dopo quello di Lippi nel 2009. In lizza però c’è l’idea Mancini.

potrebbe interessarti ancheZaniolo, niente asta per il gioiello della Roma: no secco alla Juve

notizie sul temaCalciomercato Inter, c’è Dzeko per Spalletti: Marotta con il rebus IcardiCalciomercato Juventus, il sacrificato sarà Dybala: tutte le strategieSvolta in Serie C, cambiano le regole: ecco le novità
  •   
  •  
  •  
  •