C’è futuro all’Inter per Jovetic e Kondogbia? Decide Pioli

Pubblicato il autore: Jacopo Chiodo Segui

stevan-jovetic-geoffrey-kondogbia-inter-udinese-serie-a-23042016_6lj6xeb6jd8j1x2qsbfcouxlq

Capita che quando si cambia allenatore, chi, nella gestione precedente non era considerato, improvvisamente vede completamente ribaltata la sua situazione, tanto che nel giro di pochi giorni può cambiare tutta una storia, magari iniziata bene e naufragata nelle difficoltà in uno stato di stallo e di insofferenza che altro non sembra che una lunga agonia prima di separarsi.

Capita all’Inter, i protagonisti? Geoffrey Kondogbia e Stevan Jovetic.

Due giocatori fortemente voluti da Roberto Mancini per far fare il salto di qualità alla sua Inter, il primo mai sbocciato, il secondo dopo un buon avvio, anche a causa di costanti infortuni che da tutta la carriera lo tormentano, è finito via via sempre più ai margini della squadra.

Poi, arriva De Boer, nuovo allenatore, nuova stagione. Risultato: lo stesso.

Jovetic costantemente in naftalina e gettato nella mischia solo nei minuti finali per provare, con la forza della disperazione, a raddrizzare partite già compromesse, in cui, va detto, il Montenegrino non è mai riuscito ad incidere e soprattutto non ha mai dato nemmeno l’impressione di volerci provare.

potrebbe interessarti ancheInter-Lecce streaming Dazn e diretta tv Serie A, dove vedere il match 26 agosto

Kondogbia invece, dopo un discreto inizio di stagione a livello di prestazioni individuali è finito nel dimenticatoio, toccando il punto più basso della sua esperienza all’Inter e forse della sua carriera con la sostituzione dopo poco meno di mezz’ora contro il Bologna.

All’orizzonte la sessione invernale di mercato, nel mezzo, l’arrivo di Pioli, ancora un po’ di tempo per cambiare le cose.

Settimane importanti per entrambi, due calciatori dalle potenzialità fuori discussione che verranno valutati dall’ex tecnico della Lazio, da qui fino a Gennaio. Le offerte non mancano e se su Jovetic la Fiorentina è sempre presente, su Kondogbia è forte l’interesse dell’Olympique Marsiglia di Rudi Garcia, addirittura secondo quanto riferisce l’Equipe ci sarebbe già stato un incontro tra il centrocampista dell’Inter ed il presidente dell’OM Jacques-Henri Eyraud per conoscere le idee le intenzioni del giocatore.

Joa Mario, Brozovic, Banega, Medel, Gnoukouri, Melo. In mezzo sono in tanti. Kondogbia ha perso la nazionale e fiducia nelle proprie qualità, questo mese e mezzo potrebbe essere davvero decisivo. Lui vuole giocare e non lo ha nascosto, l’Inter oggi non può accontentarlo, ecco perchè, la storia tra i nerazzurri e l’acquisto più oneroso della gestione Thohir sembra giunta al capolinea, soprattutto, se come sembra, l’OM sarà disposta a sborsare una cifra vicina ai 30 milioni, che permetterebbe all’Inter di ridurre al minimo un eventuale minusvalenza.

O lo ami o odi, da sempre: Stevan Jovetic.

potrebbe interessarti ancheInizia la Serie A, la nostra griglia di partenza, Juve favorita, Milan incognita

Il Montenegrino all’Inter non è mai riuscito ad imporsi dividendo costantemente la critica e i tifosi, da una parte chi ne elogia le qualità tecniche più uniche che rare, che solo qualche anno fa gli permisero di avere gli occhi addosso dei più importanti club del mondo, dall’altra chi non sopporta l’anarchia tattica, la discontinuità e le pause che nell’arco dei 90’ minuti l’ex Manchester City si concede.

La verità sta probabilmente nel mezzo, con una certezza: ha bisogno di continuità.

Non è facile entrare a gara in corso, nei secondi finali, con la squadra in difficoltà, con la squadra rigettata tutta in avanti, con gli schemi saltati, nell’anarchia, appunto, più totale. Ma chi, meglio di lui, nella rosa dell’Inter ha le qualità per far saltare il banco, per inventare la giocata decisiva, determinante? Forse nessuno.

Era così anche per De Boer, le cose si mettevano male, dentro la fantasia di Jovetic. Peccato che lo Jojo visto quest’anno è sempre parso insolente, un corpo estraneo alla squadra, un giocatore distante mentalmente e fisicamente da quello ammirato in maglia viola, quella che Corvino vorrebbe ricucirgli addosso.

Palla a Pioli, un mese e mezzo per fare chiarezza, per cambiare la trama di due brutte storie.

notizie sul temaProbabili Formazioni Serie A 1a giornata: Lukaku dal 1′, Dybala ‘falso nueve’?Serie A, tutti gli infortunati della prima giornata: Lazio senza Milinkovic e LulicIcardi, Inter accetta offerta di 65 milioni di euro dal Napoli, ma l’argentino non vuole partire
  •   
  •  
  •  
  •