Juventus Donnarumma, la clamorosa rivelazione di Tacconi: “E’ già dei bianconeri”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Juventus Donnarumma, per Tacconi non ci sono dubbi…

E’ trascorsa una settimana dall’infuocato post partita tra Juventus e Milan e da quel bacio sulla maglia rossonera dato da Gigio Donnarumma nelle concitate fase seguite alla fine del match, deciso dal discusso calcio di rigore assegnato ai bianconeri. Juventus Donnarumma, la rivelazione di Tacconi – Quel gesto che sembrava aver legato a doppio mandato la carriera del giovane talento rossonero alla società Milan dopo una settimana è stato “svalutato” dall’ex portiere della Juventus Stefano Tacconi che è tornato nuovamente a parlare del futuro di Donnarumma. L’ex bianconero già nei mesi scorsi era intervenuto in maniera molto decisa in merito alla situazione del portiere del Milan dichiarando apertamente che il futuro del talento rossonero sarà prima o poi a Torino con la maglia della Juventus. Oggi ai microfoni di TMWRadio Tacconi ha rincarato la dose rilasciando alcune dichiarazioni che faranno sicuramente discutere.

Le parole di Tacconi sul futuro di Donnarumma

“Donnarumma è già della Juve, non lo sa nessuno ma è già bianconero. Ha baciato la maglia del Milan? Ma cosa se ne frega di quella maglia. Oggi c’è il dio denaro, comandano i soldi. Raiola fa spesso i bagagli, quando decide chiude la valigia e dice ‘andiamo’. Donnarumma firmerà il rinnovo ma ormai i contratti non contano più nulla”.

Parole molto importanti e pesanti quelle espresse da Tacconi per il quale, quindi, il futuro del portiere del Milan sembra essere già segnato. Chissà cosa ne penserà Donnarumma divenuto ancor di più idolo tra i tifosi rossoneri proprio dopo il gesto di venerdì sera allo Juventus Stadium.
Tacconi ha poi anche parlato delle polemiche legate al calcio di rigore assegnato alla Juventus in pieno recupero svelando un piccolo “segreto” .

“Le polemiche nei riguardi della Juve sono queste, il problema è che psicologicamente sta distruggendo tutti. Ne vanno fieri e godono. Quando ero alla Juve, ricordo che si sperava di avere un rigore al 90′ così il giorno dopo ne parlavano tutti. I bianconeri sono micidiali, dopo il 2006 c’è un odio contro tutti e lo stanno dimostrando adesso. È normale che una squadra che vince sia odiata, il 50% è juventino e l’altra metà odia la Juve”.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •