Allenatori Serie A: Inzaghi-Bologna, De Zerbi verso Sassuolo, rischiano Tudor e D’Anna

Pubblicato il autore: Giuseppe Consiglio Segui
BOLOGNA, ITALY - OCTOBER 15: Andrea Poli of Bologna FC celebrates after scoring the opening goal during the Serie A match between Bologna FC and Spal at Stadio Renato Dall'Ara on October 15, 2017 in Bologna, Italy. (Photo by Mario Carlini/Iguana Press/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Nei giorni che hanno portato a quello che sarà il colpo dell’estate per quanto riguarda gli allenatori, con Carlo Ancelotti sbarcato alla corte del Napoli di Aurelio De Laurentiis, su alcune delle altre panchine di Serie A, quelle delle squadre  di medio-bassa classifica, la situazione è ancora incerta ed aperta a scenari clamorosi.
Marco Giampaolo era uno dei candidati più forti al post Sarri ma l’arrivo di Ancelotti lo spinge definitivamente alla permanenza alla Sampdoria, come certificato dall’incontro avvenuto nella giornata di ieri con i vertici della società blucerchiata. Torino e Genoa proseguiranno i rispettivi percorsi con i due allenatori subentranti dello scorso campionato, Mazzarri e Ballardini, così come le due neopromosse, Parma e Empoli, si affideranno ancora al lavoro di D’Aversa e Andreazzoli, con quest’ultimo che ha addirittura rinnovato fino al 2020. La Fiorentina aspetta il verdetto UEFA sul caso Milan, che potrebbe clamorosamente ripescare i viola per la prossima Europa League, ma continuerà comunque a contare sul lavoro di Stefano Pioli.

Situazione particolarmente ingarbugliata a Bologna, dove è stato esonerato ufficialmente Donadoni. La notizia era nell’aria da tempo, visti i dissapori che hanno agitato le ultime settimane dell’ex c.t. della Nazionale contro parte della tifoseria felsinea e della società. I nomi per la società di Saputo sono diversi: in pole Pippo Inzaghi, che deve ancora giocarsi la promozione in Serie A col suo Venezia ma che non disdegnerebbe affatto la panchina del Bologna. Sondati anche altri nomi, come quelli di Guidolin, Maran, Nicola, De Zerbi e Juric. In particolare l’ex allenatore di Genoa e Crotone  potrebbe essere uno dei nomi caldi per guidare il Cagliari: il presidente Giulini, nonostante la salvezza al fotofinish, non sembra voler confermare Lopez e avrebbe pensato proprio al tecnico croato per la sostituzione, oltre a Giampiero Ventura, pronto a ripartire dopo la disfatta contro la Svezia, ma che sembra aver rifiutato la corte sarda e sarebbe ambito da altri club di A.

potrebbe interessarti ancheChievo-Atalanta, Gianpiero Ventura: “Sono emozionato. Felice di esser tornato”

De Zerbi è uno dei nomi più ambiti anche tra le panchine di Serie B: l’ormai ex allenatore del Benevento è particolarmente apprezzato per il modo in cui ha dato dignità alla stagione dei sanniti, oltre che per il buon gioco espresso da una squadra che non ha mai potuto effettivamente concorrere ad evitare la retrocessione. La sua destinazione sembra essere il Sassuolo: Iachini non proseguirà la sua esperienza in Emilia, ma l’incontro tra i dirigenti neroverdi e l’ex allenatore del Palermo definirà definitivamente la questione, che dovrebbe comunque portare ad una risoluzione consensuale. Ma attenzione anche ad un certo Cesare Prandelli, che ripartirebbe volentieri da una piazza più piccola per rivalutare gli ultimi disastrosi anni tra Italia, Turchia e Spagna.

potrebbe interessarti ancheInter-Milan, il 21 ottobre porta fortuna ai rossoneri: Higuain come Inzaghi? (VIDEO)

Alla Spal la panchina dovrebbe essere ancora occupata da Leonardo Semplici, che avrebbe potuto sostituire Giampaolo alla Sampdoria, ma la permanenza dell’italo-svizzero a Marassi chiude la porta al tecnico toscano, che vorrà comunque incontrare la società per avere maggiori rassicurazioni sugli investimenti futuri.
Igor Tudor non è certo di restare alla guida dell’Udinese: il presidente Pozzo non è convintissimo di confermare l’ex Galatasaray, nonostante poco più di un mese fa abbia firmato un contratto fino al 2019. Anche in questo caso si attende un vertice tra dirigenza e allenatore, ma ad oggi manca lo spettro di qualche tecnico che effettivamente aleggi sul Friuli. Anche il Chievo non è ancora convintissimo di confermare Lorenzo D’Anna, nonostante l’ottimo impatto sulla squadra di Campedelli, condotta alla salvezza con le ultime tre vittorie in campionato. Se non venisse confermato è forte la candidatura di Davide Nicola.

notizie sul temaSerie A 9.a giornata: Piatek sfida la Juventus. Ventura torna in panchina, Longo al capolinea ?Inter-Milan, Higuain come Inzaghi-Ibrahimovic? Il Pipita cerca il primo gol nel derby milaneseBologna, Filippo Inzaghi:” Siamo in linea con i nostri obiettivi. Facciamo giocare dei giovani che sono cardini della squadra”
  •   
  •  
  •  
  •