Lazio, Acerbi ha detto sì: il Sassuolo non fa sconti, il prezzo è alto

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui

 

Foto originale Getty Images © selezionata da SuperNews

La Lazio comincia a muoversi attivamente sul calciomercato. La trattativa più importante in corso è quella con Acerbi. Il difensore del Sassuolo è pronto a lasciare i neroverdi per trasferirsi nella Capitale. Inzaghi ha necessità di rinforzare il reparto difensivo, quello che ha mostrato maggiori difficoltà nel corso del campionato appena concluso.  Bisogna inoltre rimpiazzare Stefan de Vrij, passato all’Inter a parametro zero. Non sarà facile trovare il sostituto ideale dell’olandese ma Tare e Inzaghi sono convinti che Acerbi abbia tutte le doti necessarie per farsi valere al centro della difesa della Lazio.

potrebbe interessarti ancheInter, trittico da paura: Milan, Barcellona e Lazio sulla strada di Icardi e compagni

Sulla trattativa in corso potrebbe influire positivamente la volontà del giocatore di passare con i biancocelesti. L’ostacolo maggiore è, invece, rappresentato dal Sassuolo che ha rilanciato con un prezzo alto: 15 milioni di euro, una richiesta decisamente più alta rispetto a quanto offerto dalla Lazio, ovvero 7 milioni, non di più. Igli Tare non ha però intenzione di mollare e proverà a convincere il Sassuolo inserendo nella trattativa qualche giocatore come contropartita.

potrebbe interessarti ancheLazio, Tare striglia Luis Alberto: “Sia più uomo, deve avere più autostima”

Stando a quanto riportato dal Corriere dello Sport, nella trattativa Lazio-Acerbi potrebbe  insediarsi anche il Galatasaray. Il club turco, per appropriarsi del difensore della nazionale italiana, ha offerto 13 milioni di euro più eventuali bonus. Attenzione anche Leicester che ha cercato Acerbi già lo scorso gennaio.

notizie sul temaLuis Alberto, un talento da recuperare per la LazioCiro Immobile protagonista, firma la vittoria della Lazio contro la FiorentinaNapoli-Sassuolo 2-0 (Video Gol Highlights Serie A), Ounas e Insigne piegano gli emiliani. Espulso Rogerio
  •   
  •  
  •  
  •