Inter, l’esordio di Lautaro Martinez con il Lugano con la benedizione di Recoba

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui
BUENOS AIRES, ARGENTINA - MAY 03: Lautaro Martinez of Racing Club looks on during a group stage match between Racing Club and Universidad de Chile as part of Copa CONMEBOL Libertadores 2018 at Presidente Peron Stadium on May 3, 2018 in Buenos Aires, Argentina. (Photo by Marcelo Endelli/Getty Images)

Lautaro Martinez – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

E’ previsto per stasera l’esordio di Lautaro Martinez, stella del Racing è acquisto di primo piano del calciomercato Inter a firma di Piero Ausilio, direttore sportivo spesso criticato per scellerati acquisti ma che con l’arrivo di Spalletti sembra aver ingranato la giusta direzione, a dimostrazione di come se c’è sinergia tra tecnico e direttore sportivo tutto può accadere.

Stasera contro il Lugano farà il suo esordio da titolare l’ex stella del Racing Lautaro Martinez, giocatore esaltato da Recoba che lo vede bene all’Inter come suo erede. La sponsorizzazione de ‘el chino’, calciatore amatissimo dai tifosi e dall’ex presidente Massimo Moratti, non può che presentare bene il nuovo acquisto che potrebbe anche essere il sostituto dell’attuale capitano Icardi, qualora volasse per altri lidi, magari sponda Real Madrid, che dopo l’addio di Cristiano Ronaldo è alla caccia di un pezzo da novanta per accontentare il pubblico del Bernabeu.

potrebbe interessarti ancheInter-Fiorentina 2-1 (video gol highlights Serie A): Icardi e D’Ambrosio portano i nerazzurri al terzo posto

Per Recoba Martinez è un colpo di altissimo livello e il giovane argentino può dare davvero tanto alla società nerazzurra diventando il nuovo idolo dei tifosi:“È un colpo di altissimo livello. Non è un caso che lo volessero i più grandi club europei. L’importante è che l’Inter sappia proteggerlo adeguatamente soprattutto nei primi mesi”.

Dal canto suo il neoacquisto, che guiderà l’attacco dell’Inter contro il Lugano nel 4-2-3-1 che prevede dietro di lui il ninja Nainggolan, Politano e Candreva (in attesa di Perisic che giocherà la finale mondiale), si presenta nel migliore dei modi ai suoi nuovi tifosi, spiegando come ha intenzione di onorare la maglia numero 10: “So che Milito ha vinto tutto qui, ora tocca a me lasciare il segno, qui è tutto bello, i primi giorni di allenamento sono stati fantastici, sono qui per conquistarmi subito una maglia da titolare. La maglia numero 10 è la stessa che avevo al Racing, ne ho chiesto la disponibilità, quando mi hanno detto che avrei potuto prenderla non ho avuto dubbi. Non sarà un peso, la decisione è stata naturale”.

potrebbe interessarti ancheVoti Fantagazzetta Inter-Fiorentina, pagelle Fantacalcio: Chiesa il migliore dei viola, male Perisic

 Inter, Martinez interista da tempo

Era da tempo che sentiva i colori nerazzurri sulla sua pelle, non solo per l’epopea di Milito e Zanetti con quella maglia, ma da quando una volta, prima della Coppa Libertadores, ebbe modo di vedere l’Inter in Tv, e se ne innamorò: “C’erano stati contatti con altri club ma quando l’Inter è venuta in Argentina per parlare con me, una volta che mi hanno illustrato il progetto, non ho avuto tentennamenti: ho sempre amato l’idea di giocare con questa maglia. Ricordo che una volta mi stavo imbarcando per il Brasile con il Racing dovevo giocare in Libertadores. All’aeroporto, in tv, davano la partita e l’Inter stava perdendo 1-0. Quando sono atterrato ho controllato il risultato: l’Inter aveva ribaltato tutto, io ho esultato. Sono pronto: giocare la Champions è un sogno e sto già lavorando duro per questo”.

Calciomercato Inter: Martinez stregato da Spalletti

Ansioso di mettersi in mostra in partita davanti al coach Spalletti l’argentino racconta: “Mi ha colpito il fatto che sia un allenatore con idee molto chiare, tutti sappiamo già in quale direzione andare. L’Argentina? Devo dare tutto con l’Inter, poi chissà. In verità ero già pronto per il Mondiale in Russia, poi il c.t. ha deciso di non convocarmi. Lo convincerò giocando con l’Inter”.

notizie sul temaVAR Inter-Fiorentina: rigore giusto per i nerazzurri ma Mazzoleni utilizza male la moviolaAdani e il paragone azzardato: “Giovanni Simeone è più forte di Mauro Icardi”Inter-Fiorentina: Chiesa non basta, che settimana per i nerazzurri
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: