Inter, è il giorno di Asamoah: “Mi sento veramente a casa”

Pubblicato il autore: Mattia Dallaturca Segui

Kwadwo Asamoah – Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Dopo la conferenza stampa di Buffon, ieri al PSG, oggi è il giorno di un altro ex juventino che si presenta al suo nuovo club: Kwadwo Asamoah.
Il ghanese, nuovo difensore dell’Inter, è intervenuto nella conferenza stampa di rito questa mattina ad Appiano Gentile e si è detto pronto per cominciare questa nuova avventura.
Asamoah lascia la Juventus dopo sei anni ricchi di successi, dove ha vinto 6 Scudetti, 4 coppe Italia e 3 supercoppe italiane. Impresa davvero molto ardua, se non impossibile da ripetere all’Inter, considerando anche l’età del giocatore, che tra qualche mese varcherà la soglia dei trent’anni.

Ho tanta voglia di stare qui e sono contento dei messaggi di affetto, dei compagni della squadra, dello staff. Mi sento veramente a casa. Devo dare il massimo in campo. Sia in allenamento che in partita. Devo dare una mano ai miei compagni. Il nostro obiettivo è fare meglio dell’anno scorso. Non posso fare tutto da solo, se la squadra può fare bene dobbiamo essere duri e compatti e uniti come una squadra. Dobbiamo lavorare insieme e raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati. Io sono contento di essere qui, è un traguardo importante per la mia carriera, per questo ho scelto questa maglia.“- con queste parole l’ex terzino bianconero ha aperto la conferenza stampa di questa mattina. Asamoah è il quarto rinforzo per l’Inter dopo gli arrivi di Lautaro Martinez, Nainggolan e di Stefan De Vrij. Ottimi rinforzi per una squadra che vuole crescere e che dopo tanti anni ha ritrovato la qualificazione in Champions League, preliminari permettendo.

potrebbe interessarti ancheSconcerti profetico: “Sabato ci sarà il sorpasso dell’Inter sulla Juventus. Il Napoli rischia di perdere contro il Milan”

Alla domanda del perché avesse deciso di lasciare la Juventus, Asamoah ha risposto: “C’era la possibilità di rimanere ma ho scelto questa maglia e la squadra ha scelto me, sono contento di vivere questa nuova esperienza e voglio fare cose importanti. Difficile lasciare la Juve ma quello che ho visto che può fare questa squadra mi ha convinto anche per la mia carriera, posso migliorare qui e per questo ho scelto questa maglia. Conosco la rivalità tra Inter e Juventus, io sono qui e ho scelto questa maglia e non è una cosa che mi dà fastidio, sono qui per fare le cose che posso fare e dare a questa squadra. Esperienza? Quello che ho vinto appartiene al passato, sono qui per imparare e lavorare e fare cose importanti con i nuovi compagni. Da ieri ho iniziato a lavorare con loro e mi sento già come a casa, sono contento di essere qui.

potrebbe interessarti ancheTorino-Inter probabili formazioni: le scelte di Mazzarri e Conte

Fino a quando ha indossato la maglia bianconera, il ghanese ha sempre disputato la Champions League, raggiungendo la finale per ben due volte, ma, ora che è all’Inter, sono pochi i giocatori di esperienza come lui, per questo ha messo in guardia i suoi nuovi compagni: “La Champions è una competizione difficile. Qualsiasi squadra può avere difficoltà. Noi ci siamo per fare bene. E’ tutto diverso dal campionato italiano.
Riguardo la sua posizione in campo Asamoah lascerà la decisione a Spalletti: “A Udine facevo il centrocampista, alla Juve ho sempre giocato basso a sinistra. Posso ricoprire più ruoli. Deciderà il mister.

notizie sul temaInter o Juventus: a chi farà bene la sosta?Calciomercato Inter, Marotta scatenato: De Paul e gennaio, Kulusevski a giugnoInter-Hellas Verona 2-1: i nerazzurri fanno 30 e lode!
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: