Inter, manovre a centrocampo: Spalletti vuole Vidal. Paredes e Kovacic le alternative

Pubblicato il autore: Giuseppe Consiglio Segui
during the UEFA Champions League group B match between Celtic FC and Bayern Muenchen at Celtic Park on October 31, 2017 in Glasgow, United Kingdom.

Arturo Vidal – Foto Getty Images © scelta da SuperNews


“Calcio d’agosto non ti conosco”
è il motto che anima i primi impegni di ogni squadra ad inizio stagione: rose incomplete, condizione non ottimale, meccanismi in rodaggio. L’Inter di Luciano Spalletti è reduce dai primi tre impegni stagionali, nei quali sono emerse buone indicazioni per quanto riguarda la fase offensiva, con il nuovo acquisto Lautaro Martinez sugli scudi (in attesa del miglior Icardi), ma anche tanti limiti in quella difensiva, con la coppia De Vrij-Skriniar ancora da collaudare e il centrocampo non pienamente convincente. Non a caso nell’amichevole contro lo Zenit il mister nerazzurro ha impiegato Asamoah come mezz’ala, ruolo che ricopriva ai tempi dell’Udinese ma che non ha praticamente mai occupato alla Juventus, dove Conte lo inventò esterno nel 3-5-2 e poi Allegri terzino nella difesa a quattro.

Va da sé che l’Inter sia alla ricerca di un centrocampista che sappia abbinare ad una buona qualità anche tanta quantità: l’idenkit potrebbe senz’altro portare a pensare a Nainggolan, ma nelle idee di Spalletti c’è l’intenzione di riportarlo, come due anni fa a Roma, sulla trequarti, per sfruttarne la capacità di inserimento e l’ottimo tiro dalla distanza. Per questo Ausilio deve regalare al suo allenatore un giocatore di caratura internazionale che risponde al nome di Arturo Vidal, Il cileno sembra essere pronto al divorzio col Bayern Monaco: il contratto scade il 30 Giugno 2019 e mai in Baviera hanno avanzato proposte di rinnovo per l’ex Juve che oltretutto sembra pronto a trasferirisi, come testimoniato da un post apparso sul profilo Twitter del centrocampista sudamericano, dove campeggia la frase “Preparado para el futuro”, che sembra presagire cambi di casacca imminenti. A ciò si aggiunga che Vidal non è partito per l’America per partecipare alla ICC con i suoi compagni: ufficialmente il cileno è infortunato ma ciò non esclude una sua partenza.

potrebbe interessarti ancheSan Siro: Milan e Inter vogliono la demolizione

LA STRATEGIA DELL’INTER E LE POSSIBILI ALTERNATIVE A VIDAL

Il fatto che Vidal difficilmente rinnoverà con il Bayern Monaco apre la strada alla sua cessione, che potrebbe essere molto contenuta nel prezzo rispetto al valore del calciatore, vista la prossima scadenza contrattuale. I tedeschi chiedono 30 milioni, cifra eccessiva per l’Inter in considerazione che il giocatore va a scadenza tra 11 mesi. La proposta dei nerazzurri potrebbe essere intorno ai 20 milioni, che, con l’aggiunta di qualche bonus, potrebbe accontentare i campioni di Germania. Suning ha appoggiato l’operazione, Spalletti stravede per Vidal e lo ritiene la prima scelta: ora tocca ad  Ausilio trovare la giusta quadra e testare il gradimento del centrocampista.

Ovviamente non mancano le alternative nel caso in cui Vidal non dovesse approdare all’Inter. Continuano le voci su un ritorno di fiamma di Mateo Kovacic, reduce dal Mondiale russo con la sua Croazia dove non ha avuto molto spazio e che al Real Madrid è sempre stato chiuso per l’agguerrita concorrenza di gente con Modric, Kroos e Casemiro. Il giocatore vuole lasciare la Casa blanca per giocare con maggiore continuità e imporsi nel panorama calcistico internazionale, viste le grandi potenzialità. L’Inter potrebbe proporre al Real un prestito con diritto di riscatto, ma non manca la concorrenza su Kovacic, con la Juventus che lo monitora da mesi con grande attenzione ma senza mai affondare il colpo.

potrebbe interessarti ancheInter, Kovacic freme per tornare in Italia

Altro profilo gradito a Spalletti è un altro ex Roma che lui conosce bene, quel Leandro Paredes oggi giocatore dello Zenit di San Pietroburgo, che vuole lasciare la Russia per campionati di maggiore appeal. Il tecnico di Certaldo lo apprezza parecchio e già ieri, in occasione dell’amichevole proprio tra Inter e Zenit, come riportato da Tuttosport, ci sarebbe stato un primo contatto tra i milanesi e la squadra russa per capire i margini di un’eventuale operazione.

notizie sul temaInter, l’impronta di Conte sul mercato nerazzurroInter: inizia la rivoluzione di ConteInter, il punto sul calciomercato: tre possibilità per Icardi, lo United fa ‘muro’ su Lukaku
  •   
  •  
  •  
  •