L’incredibile storia di Ramsey: dal terribile infortunio alla Juventus

Pubblicato il autore: Cosimo Commisso Segui

Aaron Ramsey, centrocampista gallese di proprietà dell’Arsenal, è vicinissimo alla firma con la Juventus. Il giocatore, reduce da nove stagioni con la maglia dei Gunners, ha scelto di non rinnovare il contratto che lo lega al club di Londra, preferendo virare verso altre destinazioni. Il direttore sportivo Fabio Paratici, sempre attento alle opportunità che il mercato riserva, non ha esitato due volte nel corteggiare il prescelto per rinforzare la mediana bianconera e la trattativa pare ormai in stato avanzato. Non tutti sanno, però, che la carriera del ventinovenne Ramsey poteva esser già terminata da un pezzo a causa di un brutto infortunio.
Era il 27 febbraio 2010 e, al Brittania Stadium, si disputava Stoke City-Arsenal. La squadra di Arsene Wenger si trovava in vantaggio ed il secondo tempo scorreva rapidamente fin quando il roccioso Ryan Showcross, con un intervento al limite della follia, spezzò letteralmente la gamba del gallese. L’arbitro, invocando a gran voce i soccorsi, non potè far altro che estrarre il cartellino rosso e riprendere il gioco poco dopo. Doppia rottura di tibia e perone, il referto non lasciava spazio a interpretazioni e la decisione di smettere era dietro l’angolo. L’allora ventenne centrocampista, erede designato di Cesc Fabregas all’Arsenal, attese più di un anno lontano dal suo mondo ma non si lasciò abbattere e riprese l’attiva agonistica. Da quel momento, nonostante non sia mai diventato il fenomeno che ci si aspettava, ha regalato perle di assoluta bellezza come i gol contro Galatasaray e Cska Mosca e disputato discrete stagioni, dimostrando soltanto in parte il suo valore.

potrebbe interessarti ancheCalciomercato Juventus, anche Marcelo dal Real Madrid?

Ramsey “alla Vidal” nella mediana di Allegri?

La Juventus sta cercando insistentemente di portare Ramsey a Torino già in questa sessione di mercato, visti i problemi fisici che hanno martoriato Khedira ed Emre Can nella prima parte di stagione. Si vocifera addirittura di possibili visite mediche alla Continassa nei giorni successivi alla Supercoppa contro il Milan. Presumibilmente, però, il gallese farà parte del gruppo soltanto da luglio in poi, dopo che il suo contratto sarà scaduto. Per quanto riguarda le caratteristiche di base, il giocatore dell’Arsenal assomiglia un pò al primo Arturo Vidal, tutto corsa e inserimenti. L’allenatore livornese apprezza molto gli interpreti bravi sia ad offendere che a difendere e la titolarità di Mario Mandzukic ne è un esempio. Ramsey, schierato praticamente ovunque durante la gestione Wenger, ha garantito negli anni un buon apporto in fase realizzativa, con un picco di sedici reti tra Premier e Champions League nella stagione 2013-2014. Grazie alla duttilità che lo contraddistingue, sa destreggiarsi sia nel modulo a due centrocampisti che in quello a tre e può ricoprire anche il ruolo di trequartista. L’arrivo di Unai Emery e l’exploit dell’ex sampdoriano Torreira ne hanno limitato notevolmente il minutaggio, portando il bottino a sole otto presenze e una rete (e che rete) contro il Fulham.

potrebbe interessarti ancheJuventus-Chievo 3-0 (Video Gol Serie A): Douglas Costa, Emre Can e Rugani decidono il match, Ronaldo sbaglia un rigore

Il giocatore dell’Arsenal percepirebbe nella sua nuova avventura un ingaggio importante da otto milioni a stagione, secondo solo a quello monstre di Ronaldo (trenta milioni). Per intenderci, al momento sugli altri due gradini del podio ci sono Paulo Dybala e Miralem Pjanic, con rispettivamente sette e sei miloni e mezzo di ingaggio. Mantenere le aspettative non sarà facile, ma per un ragazzo che ha sconfitto un infortunio così grave, nulla sembra poi così impossibile.

notizie sul temaJuventus-Chievo streaming e diretta tv: dove vedere il match oggi alle ore 20.30Riprende il campionato, ma il mercato non si ferma.Asse Juve-Genoa: Sturaro vicino ai grifoni, in rossoblù anche Pjaca?
  •   
  •  
  •  
  •