Godin:”Abbiamo battuto arbitro e Var, ma manca ancora il ritorno a Torino”

Pubblicato il autore: Gabriele Ripandelli Segui


Godin ha freddato la Juventus con un gol da vero attaccante d’area che è valso il 2-0. Simbolico che sia stato proprio Ronaldo, l’uomo arrivato a Torino per fare la differenza in Champions, a deviare il pallone in rete. Gli interisti, intanto, hanno potuto esultare per un favore del loro futuro innesto difensivo e sperano possa regalare loro altre gioie anche nella prossima stagione. Per questo e per altri motivi (solidità difensiva, l’aver annullato la Juventus, l’amore del popolo colchoneros da cui Godin va esultare) rendono l’uruguaiano uno dei volti rappresentativi della sfida di ieri sera al Wanda Metropolitano.

potrebbe interessarti ancheJuventus-Atalanta 1-1 (Video Gol Serie A): Mandzukic risponde a Ilicic, bergamaschi ad un passo dalla Champions

Ai microfoni post gara ha avuto occasione anche di parlare del gol annullato e della sua opinione sulla var. “Var? Ci sono delle situazioni all’interno di una partita in cui diventa difficile giudicare a velocità normale, per questo aiuta avere la possibilità di analizzare le immagini in Tv. Per fortuna siamo stati bravi a superare le avversità del Var e dell’arbitro. Detto, questo, manca ancora il ritorno a Torino, anche se partiamo da un buonissimo risultato“. Ha l’occasione anche di spendere delle parole su Diego Costa, compagno che si è sacrificato per tornare titolare prima del previsto: “Ha dato la vita in campo, è uno che ti contagia.” Cosa è stato decisivo per la partita? “Le partite importanti e con tanta tensione, sono definite dai dettagli. E anche oggi è stato così. Ce ne sono stati due che hanno deciso il match“.

potrebbe interessarti ancheJuventus-Atalanta streaming e diretta tv Serie A, oggi 19 maggio dalle 20.30

la reazione pubblica- Sui social sono impazziti i tifosi dell’Inter, da chi richiama la “Garra charrua” di Adani sul gol dell’uruguaiano interista Vecino, a chi lo definisce il primo gol in nerazzurro, da chi sostituisce il nome di Icardi sulla maglia con quello di Godin, a chi semplicemente ringrazia. Intanto, tra gli opinionisti, Paolo Condò, scrittore della biografia di Totti ed unico giornalista italiano a votare per il pallone d’oro, è rimasto impressionato da Godin: “Confesso che quando ho letto che l’Inter ha messo sotto contratto Godin, dicevo “sì, difensore eccezionale, ma un po’ in là con gli anni”. Mi sembra che gli anni li tenga benissimo, decisivo anche contro la Juventus, impressionante

notizie sul temaMaurizio Sarri, è da stile Juve?LIVE conferenza Stampa Allegri-AgnelliAllegri tra passato, presente e futuro: una notizia che non può lasciare niente invariato
  •   
  •  
  •  
  •