Insigne, parole d’addio?

Pubblicato il autore: Urbano Lofrano Segui

Si preannuncia un’estate molto calda per il Napoli ed i suoi tifosi, si perchè dopo la partita pareggiata a Sassuolo Lorenzo Insigne nel post gara e dopo aver segnato il gol che ha portato al pari, fa trasparire il suo disappunto per le tante critiche ricevute ultimamente per la sua lunga assenza dal tabellino dei marcatori e per quel rigore sbagliato nel big mach contro la Juve.
Il “finchè sto qui” finale preoccupa e non poco i tifosi napoletani che da poco lo hanno incoronato a nuovo capitano vista la partenza per la cina di Marek Hamsik, un malessere che molti pensano possa arrivare dalle pressioni del suo nuovo procuratore. Si perchè da un pò di tempo Insigne è passato nella scuderia di Mino Raiola, famoso ormai per i suoi trasferimenti milionari, a quando pare il procuratore stà mettendo pressione sul giocatore per un eventuale trasferimento in estate, tanti sono i club europei interessati alle prestazioni di Lorenzo il “magnifico”, e tanti sarebbero i milioni da sborsare per avere il suo prezioso cartellino. Eppure questa stagione era iniziata nel migliore dei modi, con l’arrivo di Carlo Ancelotti sulla panchina del Napoli il giocatore partenopeo era stato indicato dal tecnico come elemento imprescindibile per la sua formazione, e proprio lo spostamento in mezzo all’attacco lo aveva fatto diventare il primo cannoniere della squadra azzurra.
Allora quali possono essere le cause di un eventuale divorzio? Il presidente De Laurentiis lo ha sempre indicato come giocatore simbolo del Napoli e solo due anni fa lo ha premiato con un contratto davvero importante (5 Miln fino al 2022) che fa di lui il giocatore più pagato della squadra, lo stesso Diego Armando Maradona in qualche intervista indicava Insigne come vero leader del Napoli e addirittura chiedeva che gli fosse data la famosissima numero 10 appartenutagli, negli anni d’oro della sua carriera e di quei scudetti mai dimenticati, che tempo addietro era stata ritirata.
Non è un segreto che a Raiola piacciano le missioni impossibili, basti pensare ai tanti trasferimenti milionari che il procuratore ha portato a termine in questi ultimi anni (Pogba, Ibra, Lukaku ecc..) hanno fatto diventare famoso il manager italo/olandese, e un trasferimento all’estero del “magnifico” sposterebbe davvero tanti soldi.
Non sappiamo se le parole del giocatore fossero dettate dall’amarezza del post partita (Sassuolo-Napoli 1 a 1) o da questo ultimo periodo di critiche, come accennato prima, ma resta il fatto che Insigne è il capitano napoletano del Napoli e questo a parer nostro incide e di tanto su una possibile scelta futura del giocatore che si è allontanato dal capoluogo campano solo da giovane in prestito al Pescara (250 Km più o meno) e per un anno. Il mercato come sappiamo spesso non ha regole e anche le cose più scontate possono cambiare, ne vedremo quindi delle belle da qui ad apertura di mercato che già da ora sembra essere in carburazione pronto a regalarci come sempre un’estate rovente, soprattutto a Napoli.

potrebbe interessarti ancheAtalanta, il futuro dipenderà dalla Champions
potrebbe interessarti ancheSqualificati Serie A 38°turno: tre turni per Barba. Multe per Napoli, Roma e Fiorentina

notizie sul temaMercato Napoli, Ancelotti vuole esperienza: De Rossi-Quagliarella in azzurro?Napoli, rubati i nuovi faretti nei bagni dello stadio San PaoloInter, Wanda Nara insulta Adani dopo la sconfitta con il Napoli
  •   
  •  
  •  
  •