Napoli vicino ad Almendra, ma il talento del Boca non convince tutti

Pubblicato il autore: Emmanuele Sanna Segui


Il Napoli è molto vicino all’acquisto di Agustin Almendra, centrocampista diciannovenne del Boca Juniors. Dopo le frenate della scorsa settimana, dovute alle discussioni tra i due club relative al pagamento delle tasse e dei compensi agli operatori di mercato intervenuti, le due società avrebbero trovato un accordo per una cifra superiore ai 20 milioni di euro. Se l’operazione dovesse andare a termine il Napoli acquisirebbe un centrocampista moderno, dotato di tecnica e fisicità che però anche nella stessa Argentina non sembra godere da parte di tutti della considerazione che ci si aspetterebbe per un giovane valutato più di 20 milioni euro. Per il Napoli, quindi, questa operazione rappresenta qualcosa di più di una scommessa.

Chi è Agustin Almendra?

Agustin Ezequiel Almendra nasce a San Francisco Solano, provincia di Buenos Aires nel febbraio del 2000 e si forma nel vivaio del Boca Juniors. Nella stagione dell’esordio, 2017-18, entra in campo 3 volte, in quella successiva riesce a totalizzare 15 presenze in campionato condite da 1 goal ed 1 assist. Almendra si presenta dunque in Primera Division come un centrocampista tecnico e dal piede raffinato, doti che abbina alla potenza fisica e ad una buona progressione in velocità, il prototipo del centrocampista che tutti gli allenatori vorrebbero. In Argentina i paragoni sono riferiti sostanzialmente a tre ex del Boca Junior: Juan Roman Riquelme, Leandro Paredes e Rodrigo Bentancur. Il paragone con Riquelme ha più il sapore dell’investitura che l’effettiva volontà di definirne le caratteristiche, molto simili nelle movenze ma diversi come tipologia di calciatori: Riquelme era un trequartista, Almendra è più un centrocampista puro. Molto più legato alle caratteristiche fisico-tecniche, invece, il paragone con Paredes o con Bentancur.

potrebbe interessarti ancheNapoli-Hellas Verona streaming gratis e diretta tv Sky: dove vedere il match 19/10 ore 18

Almendra, una scommessa da 20 milioni che non convince tutti

Molti giurano sul fatto che Almendra diventerà fortissimo, non tutti però. Per capirlo basta guardare l’umore dei tifosi del Boca Juniors sul web. In molti forum, molti i tifosi, non sembrano così convinti delle qualità del ragazzo, stessa cosa nei commenti dei vari video che circolano su Youtube relativi alle giocate del centrocampista. Sicuramente il giudizio dei tifosi non può essere preso in considerazione in termini assoluti nella valutazione di un calciatore, ma senza dubbio fa un certo effetto vedere numerosi commenti del genere riguardo ad un giocatore paragonato, tra i vari, anche al tanto amato Riquelme. Due sono le principali accuse mosse dai detrattori di Almendra: la prima è che non si capisce bene quale sia il suo ruolo e la seconda è relativa allo scarso temperamento del calciatore, quest’ultimo concetto assai grave per un giocatore in Argentina. A non credere totalmente alle potenzialità di Almendra, probabilmente, sono anche le altre grandi squadre europee; mentre infatti nella scorsa estate il nome del calciatore era stato già accostato ad alcuni top club (nonostante le sole 3 presenze in campionato del centrocampista), quest’anno pare che l’unica pretendente seria sia appunto il Napoli. Ulteriore conferma in questo senso sembra arrivare anche dalla stampa partenopea che in alcune testate dedicate al Napoli riportava come tra le aspettative del Boca Juniors ci fosse quella di scatenare un asta sul giocatore, asta che di fatto pare non esserci stata.

potrebbe interessarti ancheZlatan Ibrahimovic alla Gazzetta: “Vedendo l’amore di Napoli mi verrebbe quasi la voglia di provare un’esperienza lì”

Il Napoli, evidentemente, non si è posto questi dubbi e, viste le cifre dell’operazione, è lecito pensare che valuti il calciatore come qualcosa più di una semplice scommessa. Almendra, dal canto suo, se arrivasse al Napoli si troverebbe di fronte a due belle sfide: convincere i tifosi partenopei e far cambiare idea ai detrattori argentini. Niente male per un ragazzo che a febbraio ha compiuto 19 anni.

notizie sul temaAnche nel basket si canta “Vesuvio lavali col fuoco”Napoli-Hellas Verona, non solo sfida in campo, ma anche sugli spaltiNapoli-Verona probabili formazioni, Serie A 2019-20
  •   
  •  
  •  
  •