Ramsey e Rabiot: la Juventus è regina del costo zero

Pubblicato il autore: Federico Iacopini Segui

Eccoci di nuovo al 30 di giugno, data simbolica all’interno del circuito del calciomercato; oggi è l’ultimo giorno di contratto di  moltissimi giocatori, è il giorno in cui si assapora l’inizio di uno dei momenti di maggiore attesa dell’anno degli addetti ai lavori del calcio. Certo il mercato non dorme mai e non è mai soddisfatto, ma da domani si è ufficialmente in tempo di trattative, è tutta un’altra storia. Le scadenze dei contratti  rappresentano una occasione prelibata per gli uomini mercato giusti. Ne sa qualcosa quel genio di Adriano Galliani, il quale ha chiuso decine di colpi a costo zero e l’ultimo dei suoi grandi acquisti a zero è tutt’ora un giocatore del Milan: parliamo di Jesus Suso. Lo spagnolo, qualora i rossoneri decidesse di venderlo, potrebbe essere una plusvalenza di circa 30/40 milioni. Galliani ha lasciato il suo amato Milan e non fa più di questi acquisti. C’è chi, però, ha fatto tesoro del lavoro dell’ex Ad dei rossoneri e ha perfezionato l’arte del colpo a costo zero: la Juventus.
Il perfezionamento è stato fatto in ordine al lavoro in anticipo e alla pazienza. Negli anni i bianconeri con Marotta e Paratici (ora solo il secondo) hanno chiuso colpi a costo zero di livello eccezionale. Basti pensare a Pirlo, errore del Milan per il quale la Juve ha ringraziato e incassato. Non sia ma che si lascino fuori giocatori come Emre Can e Khedira, entrambi arrivati a Torino senza che i bianconeri dovessero sborsare un euro per il loro cartellino. E anche quest’anno ci risiamo, la Juve ha chiuso altri due acquisti d’eccezione per la propria linea mediana: Aaron Ramsey e Adrien Rabiot.
La trattativa per il primo si era chiusa da tempo e si era assistito al solito valzer di gennaio nel tentativo estremo dell’Arsenal di monetizzare dalla cessione/perdita del gallese. La dirigenza bianconera, con furbizia e tranquillità, ha saputo controllarsi e ha accolto il classe 1990 a zero dopo soli cinque mesi, ci sono le premesse per una collaborazione di alto livello che porterà benefici sia al club che al ragazzo.

potrebbe interessarti ancheSerie A, scatta l’ora del Black Friday. La lista dei giocatori in saldo

Per quanto riguarda Rabiot la notizia è più recente e più clamorosa; non solo per il fatto che la Juve ha chiuso per un titolare del Paris Saint-Germain classe 1995, senza dover passare da una interminabile trattativa coi francesi, ma perchè Adrien è partente da Parigi da circa 5 anni. La questione spinosa è sempre stata relativa all’incontentabile madre-agente Veronique, la quale ha sfruttato ogni sessione di mercato per creare (o anche far partire concretamente) trattative per l’acquisto del figlio che hanno sempre fatto aumentare l’ingaggio del centrocampista (e quindi della stessa Veronique). Questa estate, però, le cose sembrano proprio essere diverse. Il PSG non è riuscito a centrare l’obbiettivo Champions nonostante gli acquisti faraonici di Neymar e Mbappe, il che ha portato mamma Rabiot a pensare che fosse proprio ora di cambiare aria. E in che squadra è meglio accasarsi se non quella dove c’è Cristiano Ronaldo ed è in arrivo anche De Light?

potrebbe interessarti ancheCalciomercato Juventus, Szczesny vicino al rinnovo. Manca solo l’annuncio

Ed ecco che la Juve chiude l’ennesimo colpo a zero per il centrocampo, reparto che ne ha fatto le fortune fin dalla gestione Conte. Le rivali provano a spartirsi ciò che rimane sul piatto, ma il fatto è che l’Inter e la Roma si devono svenare per arrivare a Barella, il Napoli deve fare gli equilibrismi per chiudere  James Rodriguez e il Milan sembra debba vendere tutto il reparto per potersene rifare uno decente, quando la Juve deve ancora iniziare a spendere e ha già chiuso due campionissimi. Insomma è chiaro ormai a tutti: la Juvetus è regina del costo zero.

notizie sul temaDonnarumma lontano da Milano, arriva l’affondo della JuventusDi Stefano (SkySport): “Non sarei sorpreso di vedere Donnarumma alla Juve”. Tifosi rossoneri imbufaliti sul webIbrahimovic -Cristiano Ronaldo, il duo potrebbe funzionare nella Juve di Sarri?
  •   
  •  
  •  
  •