Si è spento Ennio Odino, il partigiano ex gregario di Coppi

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

ennio odino

potrebbe interessarti ancheGiro d’Italia, 21.a tappa Verona-Verona (cronometro individuale): sul Circuito delle Torricelle gli ultimi verdetti

Si è spento a 90 anni a Bruxelles, dove viveva dagli anni ’60, Ennio Odino.
È stato partigiano combattente della III Brigata “Liguria”, che operava nell’entroterra del Ponente genovese, presso il monte Tobbio. “Cric” (questo il suo nome di battaglia), fu coinvolto nel terribile rastrellamento nazifascista, che si sviluppò dal 6 all’11 aprile 1944, noto come l’eccidio della Benedicta, di cui Ennio fu l’unico superstite. In quegli scontri caddero più di cento partigiani e “Cric” fece parte del folto gruppo di patrioti che, catturati, furono rinchiusi nel monastero della Benedicta. Di lì i prigionieri furono prelevati, a gruppi di cinque, per essere fucilati. Ennio faceva parte del quinto gruppo. Sulla strada verso il luogo dell’esecuzione sorresse un compagno, che ferito a una gamba, non riusciva a camminare. Le raffiche dei bersaglieri di Salò fecero precipitare le vittime nella fossa comune che era stata predisposta. Anche Odino vi cade con gli altri, trascinato dal compagno zoppicante, il cui corpo intercettò anche una parte dei proiettili destinati a lui. “Cric” fu ferito e sepolto nella fossa dai corpi e dal sangue dei suoi compagni, rimanendo coperto per l’intera notte. Nei giorni seguenti, cercando di tornare a casa, fu intercettato dai fascisti e deportato nel campo di concentramento di Mauthausen. Fu liberato il 5 maggio 1945. Sulla sua vicenda ha scritto un libro autobiografico, intitolato La mia corsa a tappe (n. 63783 a Mauthausen).
Tornato in Italia riprese l’attività di corridore ciclista partecipando a molte competizioni, tra cui il Giro di Lombardia del 1951 e la Milano-Sanremo del 1952, sempre al fianco di Fausto Coppi, del quale fu anche segretario.

potrebbe interessarti ancheCiclismo, Giro d’Italia 19.a tappa Treviso-S.Martino di Castrozza: Ultime salite prima dell’arrivo a Verona

notizie sul temaCiclismo, Giro d’Italia 15.a tappa Ivrea-Como: Ciclisti a dura prova con le salite Ghisallo, Colma di Sormano e CiviglioGiro d’Italia, 14.a tappa Saint-Vincent – Courmayeur: in Val d’Aosta saranno scintilleCiclismo, Giro d’Italia 13.a tappa Pinerolo-Ceresole Reale: trionfa il russo Zakarin, Polanc sempre maglia rosa
  •   
  •  
  •  
  •