Sei Giorni di Rotterdam 2015, trionfano Keisse e Terpstra

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

sei giorni di rotterdam

potrebbe interessarti ancheCiclismo, Tour De France 2.a tappa Bruxelles-Bruxelles: Cronosquadra per i corridori da 27km

Si è conclusa oggi la 33a edizione della Sei Giorni di Rotterdam 2015, una fra le più prestigiose gare su pista del circuito internazionale. La battaglia è stata serrata sin dal primo giorno fino a veder trionfare l’olandese Niki Terpstra e il belga Iljo Keisse, confermando il successo dell’anno scorso.

potrebbe interessarti ancheInizio Tour de France 2019: quando si corre la prima tappa?

La giornata di apertura si è conclusa con tre coppie (Michael Morkov e Alex Rasmussen, Iljo Keisse e Niki Terpstra e Jasper De Buyst e Kenny De Ketele) racchiuse in soli otto punti e a pieni giri.
Lo spettacolo è proseguito il secondo giorno col tentativo di fuga di De Buyst e De Ketele mettendo, così, pressione agli inseguitori.
Nella terza giornata si è vista molta bagarre. L’hanno spuntata ancora De Buyst e De Ketele, in grado di proteggere il loro giro di vantaggio sulle prime coppie inseguitrici.
Al termine della quarta serata si è evidenziato il grande equilibrio. Ancora primi De Buyst e De Ketele, ma le coppie inseguitrici hanno annullato il giro di svantaggio superando quota 200 punti.
De Buyst e De Ketele hanno resistito in testa alla classifica anche dopo la quinta giornata, ma il loro margine si è ridotto a vista d’occhio sotto gli attacchi delle coppie inseguitrici.
Nell’ultima giornata, con un rush finale impressionante, Niki Terpstra e Iljo Keisse hanno staccato nettamente tutti i rivali. La coppia QuickStep-Etixx è stata portentosa, infliggendo addirittura tre giri di vantaggio ai suoi inseguitori in una sola sera. Da considerare, però, lo sfortunato ritiro di De Buyst e De Ketele a causa di problemi di salute del secondo. Al termine, sono giunti secondi Rasmussen e Morkov e terzi Albert Torres e David Muntaner.

notizie sul temaLa top 10 dei ciclisti più pagati nel 2019. Stipendi da calciatori per Froome e SaganGiro d’Italia, 21.a tappa Verona-Verona (cronometro individuale): sul Circuito delle Torricelle gli ultimi verdettiCiclismo, Giro d’Italia 19.a tappa Treviso-S.Martino di Castrozza: Ultime salite prima dell’arrivo a Verona
  •   
  •  
  •  
  •