Lussazione alla spalla per Rebellin

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

davide rebellin

potrebbe interessarti ancheCiclismo, Tour De France 2.a tappa Bruxelles-Bruxelles: Cronosquadra per i corridori da 27km

Ieri, nell’ultima tappa del Giro di Turchia, quando mancavano 31 km all’arrivo un cane ha attraversato improvvisamente la strada, provocando la caduta di Davide Rebellin e infrangendo i suoi sogni di recuperare quel piccolo distacco che lo separava in classifica generale dal leader Durasek. Infatti, Davide Rebellin, a causa del forte dolore, non è riuscito a risalire in bicicletta e riprendere la corsa, ritirandosi. Gli esami medici hanno riscontrato una lussazione alla spalla.
Peccato che questo giro di Turchia sia finito male con la caduta. Era iniziato bene con la bella vittoria ed ero secondo nella classifica generale. Questa caduta non ci voleva proprio, anche perché mi sentivo in grande forma. È stata causata da un cane che stava attraversando la strada, io e i miei compagni eravamo nelle prime posizioni del gruppo, ma per evitare il cane c’è stato questo sbandamento che ci ha fatto cadere. Ho avuto una lussazione alla spalla sinistra e non potevo più riprendere la gara. Ora dovrò rispettare qualche settimana di forzato riposo e rieducazione prima di riprendere in pieno ad allenarmi per i prossimi appuntamenti… e vincerò anche contro la sfortuna !

potrebbe interessarti ancheInizio Tour de France 2019: quando si corre la prima tappa?

Davide RebellinLa sua squadra, la CCC Sprandi, sarà presente, come è ormai noto da tempo, al Giro d’Italia. Davide purtroppo non ci sarà, anche se aveva previsto la sua assenza già prima di questo sfortunato episodio in Turchia. Forza Davide, ti aspettiamo in grande forma !

notizie sul temaLa top 10 dei ciclisti più pagati nel 2019. Stipendi da calciatori per Froome e SaganGiro d’Italia, 21.a tappa Verona-Verona (cronometro individuale): sul Circuito delle Torricelle gli ultimi verdettiCiclismo, Giro d’Italia 19.a tappa Treviso-S.Martino di Castrozza: Ultime salite prima dell’arrivo a Verona
  •   
  •  
  •  
  •