Tour De France tappa 4: Martin vola e si prende anche il giallo

Pubblicato il autore: Andrea Chiavacci Segui

17martin-getty

Il Pavè non regala grosse emozioni e lascia tutto invariato per chi punta alla vittoria finale del Tour. Il numero però lo fa Tony Martin che scatta a 3 chilometri dalla fine e si prende vittoria di tappa e maglia gialla sul primo traguardo francese in quel di Cambrai. Stavolta la Etixx Quick Step è stata perfetta tenendo il capitano Uran con i big e Cavendish pronto a provarci in caso di volata. Martin aveva forato ai meno 18 e i compagni lo hanno riportato provvidenzialmente in gruppo prima dell’ultimo tratto in pavè. Pietre poco dure e Froome molto brillante nel rispondere a qualche timido attacco dell’Astana e di Nibali, comunque in buone condizioni. Giornata positiva anche per Contador e Quintana. Pinot perde oltre 3 minuti a causa di guai meccanici.

potrebbe interessarti ancheTour de France 2019, il percorso ai raggi X: tanta salita e poca cronometro

Si sbarca in Francia. Dopo tre giorni passati in Olanda e in Belgio il Tour 2015 sbarca in Francia e lo fa con la tappa più lunga di questa edizione. Parte finale sulla carta molto dura tra le pietre del Pavè dopo 223,5 chilometri da Seraing a Cambrai. Froome è già in giallo dopo la caduta e il ritiro di Fabian Cancellara. La Sky lascia andare una fuga iniziale di 4 corridori: Lieuwe Westra dell’Astana, Thomas De Gendt della Lotto-Soudal, Perrig Quémeneur dell’Europcar e Frédéric Brun della Bretagne-Séché Environnement. A 55 chilometri dalla fine, quando sta per iniziare il tratto in pavè il vantaggio si riduce ad appena due minuti sul gruppo. In quel momento inizia anche a piovere, ma solo per un attimo e il terreno resta asciutto.

La pietra partorisce il topolino. Inizia la bagarre  ai meno 46 con il gruppo frammentato e ormai a 21” da Quemeneur e Westra. Il campione del mondo Kwiatoski e Toni Martin dettano il ritmo. Nibali è nelle prime posizioni subito davanti a Froome e Contador. Poco prima del quinto settore sulle pietre i fuggitivi vengono ripresi. Lars Boom con grande abilità si porta al comando con Vincenzo Nibali a ruota. Il gruppo si allunga ma Froome resta vicino ai due Astana. Restano in 40 con Cavendish che stavolta prova ad aiutare la sua Etixx Quick Step a portare Tony Martin in giallo. Nel quarto settore il nostro Daniel Oss della Bmc, sempre tra i più attivi per Van Avermaet, aggredisce il pavè in testa. Con Nibali, Contador e Froome sono in una sessantina nel primo gruppo, dove resistono anche Quintana e, nelle ultime posizioni Pinot. Più indietro Pierre Rolland dell’Europcar.

potrebbe interessarti anchePresentazione Tour de France, le anticipazioni, programma, orario e diretta tv

Pinot iellato. Ai meno 26 inizia il primo di due settori in pavè molto ravvicinati, il secondo lungo quasi 4 chilometri. Nibali si tocca con Bak e poi va al comando Van Avermaet. Froome e Contador quest’anno si difendono bene e anche Quintana resiste. Pinot invece ha un problema meccanico e si deve fermare diverse volte. Stesso problema per Toni  Martin che viene atteso da un compagno e riesce a rientrare. Resta l’ultimo settore di Pavè che misura 2,3 chilometri. Fuglsand comanda davanti a  Van Avermaet mentre Nibali è leggermente più indietro al fianco della maglia gialla Chris Froome.  L’Astana qui sbaglia. Nibali va all’attacco poco dopo, ma il compagno Fuglsand non lo aiuta a creare il buco, e cerca di guadagnare qualcosa, ma Froome chiude con l’aiuto di Geraint Thomas. Siamo ai meno 10 e il gruppo si allunga e stavolta si crea un piccolo buco, con Froome che forza l’andatura anche perché Contador è dietro con Quintana. Valverde ovviamente non collabora e si torna compatti. A tre minuti c’è il gruppetto con Pierre Rollande e Pinot.

Tony scatenato. Ai meno 3 ci prova Tony Martin che vuole assolutamente  la maglia gialla. La Giant vuole giocarsi la volata con Dagenkolb e prova a cucire lo strappo. Una lunga cronometro per il fuoriclasse delle lancette tedesco che riesce a resistere anche sul leggero strappo finale e vince di potenza strappando il simbolo del primato a Froome. Dagenkolb è il primo dei battuti davanti a Sagan,  Van Avermaet e Boasson HagenFroome perde il giallo ma esce rafforzato dallo scontro con gli altri pretendenti finito con un calcistico 0-0 che premia chi finora sta avanti. Perde solo Pinot che arriva dopo oltre 3 minuti. Per la quarta tappa di fila cambia il leader della corsa. E’ solo l’inizio per un mese giallo che si preannuncia scoppiettante.

notizie sul temaTour de France 2018 oggi tappa 21, finalmente Parigi: percorso, favoriti, diretta TV e streamingTour de France 2018 oggi tappa 20, ecco la cronometro individuale: percorso, favoriti, diretta TV e streamingTour De France tappa 19: Primoz Roglic trionfa a Laruns, Geraint Thomas mantiene la maglia gialla
  •   
  •  
  •  
  •