Nibali replica a Cipollini sulla crisi del ciclismo italiano

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Nibali
Nelle scorse settimane Mario Cipollini, ex ciclista professionista, aveva rilasciato un’intervista al Giornale, dove parlava della crisi del ciclismo italiano. Secondo Cipollini infatti l’italia non avrebbe più grandi campioni, fatto salvo Vincenzo Nibali, affermando che lo Squalo dello Stretto resta l’unico faro di un movimento composto da sole comparse. Questa la sua dichiarazione dettagliata: “Il ciclismo italiano? Non c’è più. Siamo il quarto mondo. Abbiamo solo Vincenzo Nibali, l’unico vero talento di cui possiamo disporre. Per il resto sono solo comparse”. Parole dure anche nei confronti di Fabio Aru: “Ci dia un segno. Siamo qui, lo aspettiamo”.
In questi giorni è arrivata la risposta di Vincenzo Nibali che ha una prospettiva completamente diversa sulla situazione del ciclismo italiano. In un’intervista rilasciata a News Biella, Lo Squallo dello Stretto ha così affermato: “Ringrazio Cipollini, ma io sono più ottimista di lui. Ci sono molti giovani di talento, tra cui Sonny Colbrelli che è nella mia squadra. Bisogna dar loro il tempo di maturare”.

 

Nibali intanto si prepara per i prossimi obiettivi stagionali

La preparazione di Vincenzo Nibali non si ferma. Il Giro d’Italia ormai è sempre più vicino e questo è l’obiettivo principale dello Squalo dello Stretto. “L’obiettivo è il Giro d’Italia, giunto alla sua edizione numero 100. Era difficile essere già competitivi tra gennaio e marzo”, ha dichiarato Nibali. Il ciclista sarà impegnato anche nel Giro di Croazia che andrà in scena dal 18 al 23 aprile e rappresenta l’ultima gara prima del via del giro previsto il 5 maggio ad Alghero.
Ricordiamo che alla tanto attesa corsa rosa, non potremo assistere al duello Nibali-Aru data l’assenza per infortunio di quest’ultimo. Fabio Aru infatti è stato costretto a rinunciare alla manifestazione a causa di un trauma al ginocchio ed ha già iniziato la terapia per il recupero. Probabile per lui la partecipazione al Tour de France.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •