Giro d’Italia, Nibali manda un messaggio ai suoi tifosi. Intanto Slongo svela un retroscena su Vincenzo

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

NibaliVincenzo Nibali non è riuscito a conquistare il Blockhaus, nella giornata di ieri. La vittoria di tappa e la maglia rosa sono andati al suo avversario Nairo Quintana. Ma le speranze per Nibali di vincere il Giro d’Italia numero 100, fare il tris ed entrare nella storia sono ancora molto alte. Oggi la manifestazione effettuerà il secondo giorno di riposo, per riprendere poi la corsa domani, martedì 16 maggio con la tappa Foligno-Montefalco.
Nibali ha commentato la sua prestazione affermando di esser andato un po’ in crisi nel tratto più adatto agli scalatori, dove Nairo Quintana è riuscito ad imporre il suo ritmo. “Sono andato un po’ in crisi, così ho deciso di proseguire con il mio passo”, ha affermato Nibali.
Lo Squalo dello Stretto, tramite il suo profilo ufficiale Twitter ha voluto mandare un messaggio di ringraziamento ai suoi tifosi. Questo il testo scritto da Vincenzo: “Non è stata una giornata facile, lo ammetto, ma voglio ringraziare il pubblico per avermi sostenuto, grazie ancora, duri fino alla fine”!!

Paolo Slongo svela un retroscena su Nibali

Il preparatore di Nibali, Paolo Slongo ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport, rivelando un importante retroscena su Vincenzo e la tappa. “Vincenzo mi ha detto che ha scampato la caduta che ha coinvolto quelli della Sky per un soffio. Siutsou ad un certo punto ha avuto il timore che fosse caduto e si è anche fermato per aspettarlo”. Slongo ha poi aggiunto: “Non ci sta bene dove siamo, questo è chiaro. Sapevamo che Quintana su una salita del genere sarebbe stato avvantaggiato. Era atteso, è venuto qui per vincere il Giro. Fortunatamente abbiamo limitato i danni, ma il distacco è ancora gestibile. Cercheremo di inventarci qualcosa”.
Appuntamento allora a domani, martedì 16 maggio con la decima tappa per continuare a seguire l’emozionante sfida tra Nairo Quintana e Vincenzo Nibali.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •